Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sul volto rassegnato dei giovani vedo scritto: papà dove sei?

FATHER, CHILD, SHOULDERS
Shutterstock
Condividi

Nella nostra società non mancano i padri, ma si è sbiadita la coscienza della paternità: i nostri figli cercano un volto a cui chiedere il senso delle cose, con cui condividere la gioia della bellezza e da cui imparare a incamminarsi verso il proprio destino.

Di Sergio Ghio, parroco di S. Maria in Domnica a Roma

Le indagini sociologiche e i fatti di cronaca ci dicono che oggi la difficoltà dei giovani è determinata soprattutto dall’ assenza di adulti nella loro vita. Si tratta di un’assenza non soltanto fisica – dovuta al disgregarsi della famiglia, ai molteplici impegni che costringono entrambi i genitori fuori casa, ad un susseguirsi frenetico di attività – ma anche propositiva. È difficile trovare nei giovani una contestazione del mondo degli adulti, dei loro valori e delle loro proposte; semmai, una rassegnazione al fatto che, da quel mondo così distante, non sembra arrivare nulla d’interessante e significativo. I ragazzi faticano a raccontare di sé perché non hanno esperienza di qualcuno che li ascolta. Papa Francesco ha affermato: «Oggi si è arrivati ad affermare che la nostra sarebbe una “società senza padri”.

In altri termini, in particolare nella cultura occidentale, la figura del padre sarebbe simbolicamente assente, svanita, rimossa. […] Persino la virilità sembrerebbe messa in discussione. […] Gli adulti abbandonano le certezze e perciò non offrono ai figli orientamenti sicuri e ben fondati».
Quando ho iniziato a vivere l’esperienza della vocazione alla verginità, non immaginavo che il mio desiderio d’essere padre potesse trovare un compimento. C’era la sottile impressione che mi sarebbe stata preclusa questa esperienza: non avrei avuto una moglie e, quindi, neppure figli. Tutti questi anni di sacerdozio mi hanno invece impressionato, perché il mio desiderio di accompagnare e custodire la vita di chi incontravo, sentendola parte di me, è cresciuto e si è rafforzato.
È importante riconoscere che ogni uomo desidera essere padre. Un figlio è un dono che mi cambia, e non l’esito della mia programmazione. Crescere nell’esperienza della paternità significa crescere nella consapevolezza di essere a mia volta figlio.

Per ogni uomo, la grande domanda rimane: che cosa c’è di buono, di bello, di utile in quello che accade? L’unica alternativa a questa domanda è la distrazione. Essere padre significa riconoscere e aderire a quello che succede, riempiendo l’esistenza di speranza e non di sogni. Un altro aspetto dell’esperienza della paternità è legato alla constatazione che ogni figlio non solo è diverso, unico e irripetibile, ma è anche fatto per andarsene. Certo, sono padre per sempre. Ma al tempo stesso la mia paternità conosce l’esperienza del distacco e il giusto desiderio che i figli se ne vadano, prendendo la loro strada. È parte dell’esperienza della paternità questa necessità, che riempie di gioia ma non è senza dolore.

FATHER SON

Il rapporto con il padre è virile e desiderato quando il figlio percepisce che il padre non consiste ultimamente di questo rapporto; quando sa che il padre non ha altro desiderio che scoprire ciò cui il figlio è chiamato, per godere, insieme a lui, della sua vocazione, e in essa sostenerlo.
Durante un incontro, proposto dal Centro giovanile, sul compito di educare, il relatore ci ha rivelato la sua sorpresa: era colpito per la significativa presenza di papà.

Normalmente – ci ha detto – alle sue conferenze partecipano solo mamme, come se l’educazione fosse una loro prerogativa e competenza. Sembra un’osservazione banale, tuttavia è il segno che, probabilmente, ogni padre desidera incontrare qualcuno con cui condividere e verificare quello che a lui è chiesto ogni giorno. Ogni padre ha la necessità di incontrare un altro padre, che sia segno e strumento di chi è Padre come nessun altro, perché tutti genera in ogni istante.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.