Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconFor Her
line break icon

Anche un soffio di vita è prezioso, ce lo ricordano le sarte degli angeli

ANGEL, GOWN, CHILDREN

duckcammer | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 04/03/19

Sono donne che si dedicano gratuitamente a confezionare abiti per i bimbi che muoiono nel grembo materno. Alcuni ospedali li inseriscono in un corredo da donare alle famiglie come segno di compagnia dentro un lutto così grande.

Ci sono pensieri a cui evitiamo di pensare, zone troppo scure e dure dell’esperienza: se la vita ci preserverà dal conoscerle, cercheremo di schivarne persino l’ipotesi. Si può perdere un figlio prima che nasca, avendolo sentito scalciare nella pancia e cullando la voglia di stringerlo tra le braccia. Un figlio può nascere morto. Se accade, si sta di fronte a una vertigine tremenda. Alcune amiche hanno attraversato questo tunnel di buio e ne hanno fatto una storia di mistero, non di cupa tragedia.


RYLEI, ARCADIA, CHILD

Leggi anche:
“Fa nascere una bambina per donare gli organi”, no: per amarla una settimana

“Voglio usare ogni scampolo”

Davvero in ogni frammento di realtà la mano di Dio non manca di arrivare, e forse tocca all’umano riverberarne l’eco con più tenacia. Chi vive in prima persona un lutto in cui la morte coincide con una nascita ha bisogno di mettere a fuoco il proprio dolore e non può farlo da solo; chi è a lato della vicenda, o addirittura fuori, può portare un messaggio di bene che è come un salvagente in mezzo a un oceano. Alcune signore americane con la passione per il cucito hanno pensato di confezionare piccoli abiti per il funerale di questi neonati morti troppo presto. Non si tratta di un vezzo, ma di un bisogno più essenziale di quel che sembra.


MAMMA, PARTORIRE, NEONATO

Leggi anche:
L’aborto non è riuscito, mio figlio è nato vivo. Ed è vissuto un’ora abbracciato a me

Le chiamano “vestine d’angelo”, sono un segno tangibile del valore immenso di ogni vita così breve.

Si può celebrare il funerale di un bimbo che prematuramente muore nel grembo materno, ma non esistono vestiti così piccoli per fasciare queste creature. Per quei genitori che desiderano celebrare questo lutto con tutta la dignità che merita, si profila in molti casi la scelta obbligata di recarsi nei negozi di bambole per trovare un vestito adatto, ed è – possiamo immaginarlo – dolorosamente umiliante.

Pat Carter è una sarta dello Utah che ha pensato di colmare questo vuoto: trasforma in piccole vestine bianche le eccedenze dei negozi di abiti da sposa. La sua manualità esperta confeziona meraviglie di seta, tulle, organza; ciò che doveva essere destinato a una festa sulla terra, finisce per celebrare una festa di accoglienza in cielo.

“Voglio usare ogni scampolo a disposizione” aggiunge la signora Carter, che ha confezionato più di 1300 piccole vesti con le sue mani. Per ciascuna di esse crea un pacchetto in cui acclude una lettera di conforto per i genitori che lo riceveranno.




Leggi anche:
Mio figlio è morto, ma io alla Risurrezione ci credo!

Non è un’attività a fine di lucro, i manufatti di Pat vengono gratuitamente donati agli ospedali, luoghi in cui le famiglie si trovano a vivere il lutto.

Un abbraccio in ospedale

Questo è un altro tassello importante: oltre ai genitori colpiti da una perdita così precoce, anche il personale medico è parte in causa di quest’esperienza di dolore. Ricordo un’amica che perse una figlia al quinto mese di gravidanza e fu lei a tirar fuori il discorso del funerale con medici e infermieri. Questi ultimi furono felici di assistere la famiglia, ma confessarono di essere in difficoltà a introdurre per primi l’argomento quando si verifica un caso del genere.

Creare un nesso di vicinanza nel dolore, di partecipazione, e un tentativo di aiuto non è facile; si può andare a ledere un equilibrio emotivo già completamente compromesso. Non tutti riescono a dare, fin da subito, un nome chiaro al lutto.




Leggi anche:
I 5 giorni (pieni) di vita di Martamaria

Ci può essere chi trattiene tutto il dolore compresso in una maschera di silenzio e rompere questa bolla può proiettare in un territorio durissimo. Eppure l’indifferenza non è un segno di rispetto, lasciare sola una famiglia a gestire le proprie lacrime non è un segno di premura. Si può osare di tendere una mano.

In un video su Youtube, un’altra signora, sarta come Pat, mostra gli abiti che crea per bimbi piccolissimi e morti prematuramente: queste vestine vanno a unirsi a un piccolo corredo confezionato in una scatola che l’ospedale lascia alle famiglie colpite da un lutto, a un passo dalla nascita.

BOX, FUNERAL, NEWBORN
duckcammer | Youtube

All’interno ci sono piccoli doni: un certificato di nascita, un braccialetto, una cuffietta e un abito, l’impronta delle mani e dei piedi del bimbo. E’ un modo per dire che ogni vita è una presenza e il mondo se ne accorge.




Leggi anche:
Il mio Francesco è nato morto, ma dopo di lui ho avuto altri 4 figli

La nostra veste più bianca

L’ombra della cultura della morte porta alla ribalta notizie sempre debordanti sul versante degli aborti, gli ospedali in particolare vengono messi sul banco degli imputati se non sono sufficientemente accoglienti verso le richieste di donne che decidono di interrompere la propria gravidanza.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
famigliamorteneonati
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni