Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché in Quaresima si omettono Gloria e Alleluia?

CHOIR SINGERS
Condividi

Perfino la liturgia “digiuna” in preparazione al glorioso periodo della Pasqua

Il periodo quaresimale è caratterizzato da due diverse omissioni liturgiche. Nei 40 giorni della Quaresima, né l’inno noto come Gloria né l’Alleluia cantato prima del Vangelo sono infatti permessi, con pochissime eccezioni.

Perché?

In primo luogo, il Gloria è un inno che celebra la venuta del Signore usando le parole pronunciate dagli angeli alla nascita di Cristo. Durante la Quaresima,la Chiesa torna nello spirito a un’epoca in cui il popolo di Dio era in esilio, aspettando che il Messia venisse e lo salvasse. È un periodo di attesa come l’Avvento, ma anziché attendere la nascita di Cristo dal grembo di Maria, il popolo cristiano aspetta la seconda “nascita” di Cristo dal grembo del sepolcro.

In secondo luogo, in base allo stesso spirito di esilio, la Chiesa si unisce a Mosè e agli israeliti che vagano nel deserto per 40 anni. È un periodo di agonia e purificazione, in cui i fedeli si uniscono nel dire: “Come potremmo cantare i canti del Signore in terra straniera?” (Salmo 137, 4) La parola “Alleluia” si basa su un’espressione ebraica che significa “lodate il Signore”, ed è quindi omessa in Quaresima.

Leggi anche: Perché durante la Quaresima si coprono le immagini sacre?

Il risultato è che nel periodo quaresimale non dobbiamo concentrarci sul fatto di gioire, ma sul piangere i nostri peccati, cercando di individuare le cose che ci impediscono di avere un rapporto autentico con Dio. Una volta che queste vengono rimossi attraverso preghiera, digiuno ed elemosina, siamo in grado di gioire di nuovo a Pasqua, perché celebriamo non solo la resurrezione di Cristo, ma anche la nostra rinascita nello spirito.

Come una donna sperimenta i dolori del travaglio prima della nascita del figlio, così noi cristiani “gemiamo dentro di noi, aspettando l’adozione, la redenzione del nostro corpo” (Romani 8, 23).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni