Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconSpiritualità
line break icon

Durante le estasi Santa Teresa d'Avila ha visto i morti nel Purgatorio

TERESA OF AVILA

Public Domain

Santa Teresa d'Avila

don Marcello Stanzione - pubblicato il 01/03/19

Essa fu incoraggiata in questa intrapresa da San Pietro di Alcàntara e da San Luigi Bertràn e, benché ammalata fondò pur fragile e senza mezzi e spesso fra ogni specie di ostacoli e drammatiche circostanze e contro un mondo di oppositori, 17 conventi carmelitani femminili e poi con l’aiuto di San Giovanni della Croce 15 monasteri maschili. A tutti gli appartenenti all’ordine essa raccomandava a ciascuno: “il tuo desiderio sia Dio, vedere Dio, il tuo timore quello di perderLo, il tuo dolore quello di non piacergli ancora abbastanza!”.


HENRY SUSO

Leggi anche:
“Vivere la Passione del Signore, così le anime escono dal Purgatorio”

Per questo la Santa nutrì anche un grande amore verso le povere anime del Purgatorio e molto pregò per loro. Nella sua “Autobiografia” essa parla di “Visione di defunti”, che essa ebbe. Fra il resto essa narra:

“Un giorno mi fu detto, che era morto un padre, che era stato un tempo nostro provinciale, ma al tempo della sua morte era a capo di un’altra provincia (probabilmente si tratta di P. Gregorio Fernandez). Io avevo avuto prima parecchia corrispondenza con lui e mi sentivo in obbligo verso di lui per parecchi servigi che mi aveva fatto e mi sentivo in dovere di ringraziarlo. La notizia della sua morte mi amareggiò assai; perché nonostante egli sia stato un uomo molto virtuoso, io ero tuttavia molto preoccupata per la sua beatitudine eterna.Egli era stato per 20 anni superiore dell’Ordine, e poiché io sono sempre piena di paura, perché ritengo pericoloso il posto di un superiore e la sua responsabilità in tale cura delle anime. Così tutta preoccupata mi recai in un oratorio e gli donai tutto quello che avevo potuto fare di bene nella mia vita; e poiché ciò mi sembrava troppo poco, io pregai il Signore di supplire con i suoi meriti quanto mancava ancora a quest’anima, per essere liberata dal Purgatorio. Mentre io pregavo Dio con la maggior interiorità possibile e imploravo il Signore, mi sembrò come il defunto venisse alla mia destra dalla profondità della terra; ed io vidi con immensa gioia come egli volava verso il Cielo!”.


SAINT PERPETUA

Leggi anche:
Santa Perpetua ha liberato suo fratello dalle pene del Purgatorio

Prosegue Santa Teresa:

“Quando venne a morire egli era già in età molto avanzata, ma adesso sembrava un uomo di trent’anni, anzi ancor più giovane e il suo volto era raggiante. Questa visione passò presto, ma io ne sentiì talmente confortata che mai più mi potè rattristare la morte di questo sacerdote, benché molti ne dolessero, perché egli era stato effettivamente molto amato nella sua vita! La gioia che provò la mia anima fu così grande che io rimasi del tutto tranquilla circa questa morte, e non potevo avere il minimo dubbio circa la realtà di questa visione, anzi ero sicura ed era per me evidente che non c’era stato minimo inganno o illusione.Erano passati 14 giorni dalla morte di questo sacerdote. Io non cessavo tuttavia di raccomandarlo al Signore e cercavo che pure altri lo facessero ; però non potevo fare con tanto ardore come se non avessi avuto quella visione ; poiché Dio mi permette di vedere una tale cosa di un’anima ed io dopo voglio raccomandarla alla sua Maestà ciò mi viene spontaneo come se io volessi dare un’elemosima a un ricco. Poiché questo monaco era morto in una località molto lontana da noi, così soltanto più tardi, io venni a sapere quale fine di vita il Signore gli aveva concesso. Essa fu così edificante che tutti gli astanti restarono meravigliati della sua perfetta conoscenza in punto di morte, per le sue lacrime e la sua grande umiltà”.


MARY MAGDALENE DE' PAZZI

Leggi anche:
Durante un’estasi Santa Maddalena de’ Pazzi ha attraversato il Purgatorio

Racconta la santa:

“Nel mio monastero della Visitazione ad Avila viveva una monaca, che era morta da circa un giorno e mezzo ed era stata una creatura piena d’amore di Dio e una vera serva del Signore. Mentre una stava stava leggendo in coro una lezione dell’Ufficio dei defunti che si recitava per la defunta, io stavo vicino a Lei per recitare il versetto dopo la lezione assieme con lei. Durante la lezione io vidi come mi parve la sua anima come salire dal profondo e volare verso il Cielo. Un giorno mi trovai nella Chiesa di un Collegio di Gesuiti e colà io provai dei grandi dolori fisici e spirituali, che ancora di tanto mi assalgono. Io soffrivo così tanto che non riuscivo nemmeno a raccogliere un pensiero.Essendo morto la notte precedente un fratello di questo collegio, io lo raccomandai quanto meglio potei a Dio e partecipai dopo la S. Messa, che un Padre della Compagnia celebrava per lui. Durante la sacra celebrazione io fui immersa in profondo raccoglimento durante il quale io vidi l’anima del defunto che il Signore stesso nella sua infinita Maestà lo conducesse in Cielo. Un altro fratello del nostro Ordine P. Didaco di San Mattia, (che era stato parecchio tempo confessore nel monastero della Visitazione in Avila), uno zelante servo di Dio era a letto molto ammalato. Ora mentre assistevo alla Santa Messa di nuovo caddi in un profondo raccoglimento, durante il quale vidi questo sacerdote che moriva e senza toccare il Purgatorio saliva direttamente verso il Cielo. Seppi poi che egli era effettivamente morto in quell’ora in cui ebbi la visione. Rimasi sorpresa che egli non avesse minimamente toccato il Purgatorio. Mi fu fatto capire però dopo, che era stato un religioso fedelissimo ai suoi voti, per cui aveva beneficiato della Bolla Sabbatina, cosicché non ebbe bisogno di Purgatorio”.




Leggi anche:
Le voci che arrivavano dal Purgatorio ascoltate da sant’Alfonso Maria Fusco

Santa Teresa dà poi una lettura a quello che l’era capitato.

“Non so perché io abbia saputo questo ma penso che in tal modo mi si voleva far capire che non è il vestire l’abito che Va l’uomo di religione e soltanto il fatto di essere religioso non basta per ottenere quel beneficio che gli viene promesso dalla sua condizione religiosa che è uno stato di più alta perfezione. Non voglio parlare di altre visioni, benché il Signore me ne abbia concesse di questo tipo, non servirebbe a niente del resto!”.“Solo una cosa voglio ancora far notare, che cioè, fra tante anime che mi sono apparse io ne ho viste soltanto tre che sono sfuggite completamente al Purgatorio, cioè quello soprannominato P. Didaco, San Pietro di Alcantara e P. Pietro Ibanez O.P. Piacque al Signore farmi vedere il grado di gloria al quale erano arrivate alcune anime e mostrarmi il posto che le attendeva. E’ molto grande la differenza fra la gloria di uno e quella di un altro”.

Nella sua opera mistica “Il Castello interiore” Santa Teresa d’Avila descrive in maniera insolitamente chiara il grande dolore dello spirito, che può creare in un’anima il grande e veemente desiderio di godere Dio. Ciò che lei descrive è appunto ciò che le povere anime del Purgatorio devono subire di tormento, appunto a causa dell’ardente desiderio che esse hanno di quella beata visione di Dio, che non è loro ancora concessa. Questo stato d’animo non si può adeguatamente descrivere!.




Leggi anche:
La notte in cui l’assistente di Padre Pio fu tormentato da un’anima del Purgatorio

Uno stato d’animo che la turba, e a cui lei dà una spiegazione precisa. Santa Teresa sostiene che sia essa sia un’estasi, che come abbiamo detto, rende i sensi e la possibilità e le potenze assolutamente incapaci di tutto ciò che non serve a far sentire la loro pena. L’intelletto resta del tutto sveglio, per capire quanto direttamente il suo essere allontana da Dio. Inoltre si aggiunge il fatto che Dio stesso coopera, mentre Egli proprio in questo tempo dona all’anime una così viva conoscenza di ciò che Egli veramente è, affinché il suo tormento raggiunge un grado nel quale essa vorrebbe urlare. Ora essa non può fare altro, pur essendo abituata a sopportare con pazienza i suoi tremendi dolori; poiché essa non sente questo dolore nel corpo, ma nel suo intimo più Profondo!”.

Da questo quella persona (nel caso Teresa stessa) comprende quanto più forti siano i dolori dell’anime di quanto non siano quelli di corpo. Essa comprende pure che le pene delle povere anime del Purgatorio sono proprio di questo genere, poiché essendo liberate dal corpo appunto per questo le loro anime soffrono assai di più di quanto non si possa soffrire mentre di è vivi sulla terra.

“Io stessa vidi una persona in questo stato e credetti davvero che ormai fosse finita per lei. Ed effettivamente se a questo punto ci fosse la morte non sarebbe niente da meravigliarsi, perché effettivamente la vita corre un grave pericolo. Benché questo stato non duri molto,tuttavia il corpo viene completamente ridotto all’impotenza e il polso durante questo tempo batte debolmente da sembrare che l’anima se ne volesse andare con Dio, e dire questo non è dire troppo!”.
TERESA OF AVILA
André Frantz (CC-BY-SA-3.0)




Leggi anche:
Le notti insonni di santa Teresa Couderc con le anime del Purgatorio

Il calore naturale del corpo, dice Santa Teresa, “va scemando, mentre l’anima viene del tutto consumata dall’altro fuoco”.

“Manca solo pochissimo e il suo desiderio di gustare Dio sarebbe esaudito. Il corpo tuttavia non prova dolore, benché esso sia disfatto in modo che dopo per tre o quattro giorni provi dolori acutissimi e non abbia assolutamente più la forza di scrivere. Questa insensibilità può avere la sua causa nella grandezza dell’intimo dolore dell’anima, che non avverte i dolori del corpo. Come io stessa ho già sperimentato quando noi abbiamo un dolore effettivamente grande in una parte del corpo sentiamo meno gli altri dolori anche se sono molti. Ma nei dolori di cui sopra il corpo non prova alcun dolore; anzi io penso che non sentirebbe nemmeno se fosse fatto a pezzi”.“Ora voi direte che questa ansia o desiderio è un’imperfezione, poiché per quale motivo l’anima non si uniforma al volere di Dio, dal momento che essa si è già donata a Lui? Fino adesso lo poteva fare, ed effettivamente finora visse in questa uniformità; ma adesso poiché la ragione non è più padrona di essa e questa può pensare solo ciò che è la causa della sua pena, non lo può più fare. Come potrebbe ancora desiderare di vivere, dal momento che essa e lontana dal suo Bene? Essa prova un’insolita solitudine; poiché tutte le creature di questo mondo, e penso, anche gli stessi abitatori del Cielo, non la potrebbero consolare con la loro compagnia; ciò lo potrebbe fare solo Colui, che essa ama, tutto il resto è soltanto tormento“.


JEAN GUITTON

Leggi anche:
Il filosofo Guitton: ecco come nascono le pene nel Purgatorio

L’anima, riporta la santa d’Avila, “viene consumata da una sete ardente del possesso di Dio eppure non può raggiungere questa “acqua”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
anime del purgatoriopurgatorio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni