Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nuove conferme sulla Sindone?

HOLY SHROUD
Alessia GIULIANII CPP I CIRIC
Condividi

I ricercatori in Colorado si sono soffermati sulle macchie di sangue

Al lavoro gli specialisti delle scienze forensi, quelli alla CSI per capirci, da pochi elementi, sfruttando la fisica dei liquidi o le loro caratteristiche chimiche capiscono la dinamica di un omicidio e quello impresso nella Sindone è forse il “delitto” più famoso del mondo. Di certo la condanna a morte più ingiusta per definizione: il Santo di Dio messo in Croce senza nessuna colpa eppure con tutte le colpe del mondo poggiate sulle sue spalle. Di quell’episodio è rimasta la cruda rappresentazione dei Vangeli e – secondo molti – quel lino custodito a Torino: la Sindone.

Dicevamo degli scienziati, il Centro di ricerche sindoniche del Colorado, negli Stati Uniti, porterà nuove prove e nuovi studi proprio sulla dinamica di quelle macchie di sangue al convegno dell’Accademia americana di scienze forensi.

A raccontarlo è Marco Bonatti su Avvenire che spiega come le nuove ricerche si siano avvalse della cooperazione di alcuni volontari, scelti per la loro corporatura simile a quella dell’uomo della Sindone, che – in condizione di totale sicurezza e di assenza di dolore fisico – si sono fatti “crocifiggere” per studiare come il sangue sia colato e coagulato.

Il professor Gian Maria Zaccone, direttore del Centro internazionale di studi sulla Sindone di Torino, fa notare che le indagini di questi giorni sarebbero «una ulteriore reazione a quanto pubblicato da Borrini e Garlaschelli l’anno passato sul “Journal of forensic sciences” che, come noto, contestavano il realismo di tali colate a partire da prove sperimentali effettuate su braccia umane. Contro le conclusioni di tale articolo si levarono numerose critiche. In particolare la rivista pubblicò le obiezioni scientifiche di un pool di cattedratici e medici facenti parte del comitato scientifico del Centro internazionale di studi sulla Sindone».

«Oggi si aggiungono – dice ancora Zaccone – le ricerche coordinate da John Jackson, ricercatore “storico” sulla Sindone, già facente parte del gruppo statunitense Sturp che lavorò sulla Sindone nel 1978 portando a compimento la più completa raccolta di dati sulla Sindone sino ad oggi effettuata, anch’egli membro del comitato scientifico del Ciss, in cui sono state ricontrollate le conclusioni di Borrini e Garlaschelli a partire da volontari che si sono prestati a simulare nella sua complessità e completezza la posizione di un crocifisso, giungendo a conclusioni opposte a quelle dei citati autori, e a dimostrare la compatibilità dei rivoli di sangue visibili sulla Sindone con quelli sul corpo di un uomo nella posizione della crocifissione» (Avvenire).

La scienza continua ad interrogarsi: quel lino è autentico? Quelle ferite compatibili col Cristo? Quelle macchie sono verosimili? La ricerca che ruota attorno alla Sindone, per quello che ne sappiamo, coincide con quello che conosciamo dei miracoli eucaristici, e sempre di più sarebbe utile metterli in correlazione, come del resto aveva fatto il giovane Carlo Acutis nei suoi lavori con i quali sperava di trasmettere ai suoi coetanei lo stupore e l’amore per Gesù-Eucarestia. La via è tracciata, basta seguirla…

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.