Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconFor Her
line break icon

Jazmin era pronta a festeggiare i suoi 15 anni, ma Dio l’ha chiamata a sé

GIRL, PROFILE, OUTOOR

Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 25/02/19

I suoi genitori avevano già perso un'altra figlia, i suoi amici sono inconsolabili. Eppure stare di fronte al mistero di Dio pregando a cuore aperto e ferito porta una carezza di speranza: il Bene del Padre non ci tradisce.

di Patricio Hacin, viceparroco di San Rafael ad Asunción in Paraguay

Jazmín ha quattordici anni, le piace ballare e stare insieme alle amiche. Ha una bella famiglia, forse ancora ferita dal dolore per la morte di una sorellina di quasi due anni. Suo padre e sua madre sono collaboratori fedeli di una cappella in un paese della periferia di Asunción. Lì, la domenica, diverse famiglie recitano il rosario. L’idea è che, lungo un anno, si reciti il rosario in tutte le case.
Poco tempo fa, la mamma di Jazmín chiede alla ragazzina: “Figlia, il tuo compleanno è a dicembre, dobbiamo celebrare la quinceañera [i quindici anni]. Dimmi chi saranno gli invitati”. E lei risponde: “Dato che mi chiedi la lista degli invitati, mamma, verranno tutti quelli che vogliono venire”.
Qualche giorno fa, Jazmín va a una quinceañera e inizia a sentirsi male. I genitori vanno a prenderla e la portano immediatamente dal dottore. Tornano a casa ma lei continua a stare male. Spendono i giorni passando da un dottore all’altro, fino a quando peggiora a tal punto che viene portata d’emergenza all’ospedale dove scoprono che ha una grave malattia al cuore.


CLAIRE WINELAND

Leggi anche:
Morta la Youtuber che raccontava sui social la sua lotta contro la fibrosi cistica

Nella nostra parrocchia abbiamo l’abitudine di riunire ogni sabato un centinaio di ragazzi. Un giorno, un gruppetto di loro è venuto a chiedermi di pregare per un’amica gravemente ammalata. Così ho conosciuto Jazmín. Quello stesso giorno, infatti, sono andato a visitarla all’ospedale e ho avuto l’occasione di conoscere anche la sua famiglia. Sono entrato nella sala della terapia intensiva e ho pregato per lei, che era in coma. Ho potuto anche impartirle i sacramenti.
Torno a visitarla la domenica successiva: il dottore mi dice che il suo cuore si sta spegnendo. Le amministro ancora una volta l’unzione degli infermi. Recitiamo poi un rosario insieme alla famiglia e con gli amici. Il giorno seguente, Jazmín sta ancora male ma pare stia migliorando. Il dottore comincia a nutrire qualche speranza.

PRAYER FOR LIFE,NEW YORK CITY,ROE V WADE
Jeffrey Bruno

Ogni volta che si apre la porta della sala dove la ragazza è ricoverata, è come una spina nel cuore per chi le vuole bene. Fino a quando quella porta si apre ma per comunicare ai familiari che Jazmín si è spenta.
Immediatamente sorge la domanda sul perché. La pongono i genitori, che sono già passati attraverso il doloroso cammino della “perdita”, e gli amici, che sono anche i miei amici e che continuano a guardarmi aspettando una parola.


MARGHERITA MION

Leggi anche:
Margherita è morta a 18 anni con il sorriso: “Io sono felice, ho avuto una bellissima vita”

Domando ai ragazzi: “Come ha agito Dio in questi giorni?”. Rispondono: “È rimasto in silenzio e ci ha lasciato una speranza”. “Allora – dico loro – continuiamo così”.
Una marea di giovani presente al funerale, tra pianti e grida, mi impedisce di iniziare la messa. Il papà di Jazmín si alza e grida: “Basta! Adesso preghiamo”. Un grande silenzio scende allora sulla messa e sul funerale.
Qualche giorno fa, sono arrivati al collegio di Jazmín gli psicologi per aiutare i ragazzi. Una di loro, quattordici anni, mi scrive: “Pato, come è grande la nostra amicizia! Quanto è diverso stare di fronte al dolore con il silenzio di Dio, in attesa di una Sua risposta. Qui, al contrario, tutti voglio rispondere a quello che, in fondo, è un grande mistero”.


Aurora Maniero

Leggi anche:
Aurora è morta a soli otto anni. Eppure il suo nome sa di profezia

Commosso, penso al mio silenzio, tanto vero quanto impotente. Capisco che è stata questa ragazza, con il suo messaggio, la prima a ricevere la risposta di Dio. Aspettare insieme è l’unica possibilità di stare di fronte alla storia. Il problema dei grandi perché è il problema di un’amicizia. Educare a questo significa educare all’unica speranza che non tradisce.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
famigliagiovanimorte

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni