Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Don Fabio Rosini: ecco perché i Comandamenti non sono ordini

Don Fabio Rosini, Dieci Parole
YouTube
Condividi

Non siamo sudditi di Dio

Comandi? No, Parole. E la differenza tra parola e comando, spiega Don Fabio Rosini a Vatican News (22 febbraio), è quella fra la relazione e l’estraneità.

La «distinzione», sottolinea don Fabio, «viene illuminata profondamente e cambia tutta la prospettiva della fede nel Dio di Gesù Cristo: un Padre, non un tiranno. E questa distinzione è il passaggio dal falso cristianesimo al cristianesimo autentico».

Don Fabio spiega questa differenza nella prefazione – per le edizioni San Paolo – del libro intitolato “Le Dieci Parole“, che racchiude il ciclo di catechesi che il Papa ha dedicato al Decalogo fino al novembre scorso.

La logica dell’obbedienza

Dio come un saggio Padre. Non è un caso, nota il sacerdote, che la parola figlio sia la più ripetuta probabilmente in tutte le catechesi. «Il poter ricondurre tutta la logica dell’obbedienza a Dio da una mentalità da sudditi ad una fiducia da figli – sostiene Rosini – dipende dall’immagine che si ha di Dio».

Non siamo sudditi dunque, ma figli e il Decalogo non è «l’istruzione fredda di quello che va fatto, ma sono il rapporto di un Padre col figlio, un Padre che istruisce il Figlio sulla vita e nel momento stesso in cui gli parla della vita, in realtà sta entrando in relazione con lui per crescerlo, per allevarlo».

“Gioiose scoperte”

Attraverso le udienze, attraverso le Dieci Parole prende forma la vita dei figli di Dio. Le Dieci Parole sono, pertanto, «gioiose scoperte» che suscitano, come motore interiore, l’attrazione verso il cambiamento e non i sensi di colpa e questo perchè, evidenzia ancora don Fabio, «il cristianesimo è propositivo molto più che contenitivo».

«Non abbiamo tanto da fare ramanzine a questo mondo già abbastanza dolorante di suo, abbiamo da proporre una vita diversa: per questo quando uno legge la Parola di Dio è esortato a vivere non a negarsi. E’ l’amore la nostra chiamata!».

La “doppia” fatica

Tuttavia, conclude Rosini, ciò non significa che non ci siano impegni, nè fatiche nei Comandamenti proposti dal Papa, però, distingue il sacerdote, «da una parte esiste la fatica di chi deve compiere un dovere, dall’altra c’è la fatica di chi è innamorato: quando ad una cosa tengo veramente la faccio anche in mezzo a mille sacrifici e la faccio con piacere. Quando l’impostazione è quella dell’amore allora nulla mi è pesante!».

https://www.youtube.com/watch?v=JLh9PxcCaUM

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.