Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il corteggiamento ai tempi di Tinder

COUPLE FLIRTING
Condividi

Esiste ancora questa parola?

di Myriam Ponce

La prima volta che ho sentito parlare di corteggiamento sono scoppiata a ridere. Non è stato molto tempo fa, avevo 25 anni, e ricordo di essermi chiesta: “Com’è possibile che ci siano ancora persone che parlano di corteggiamento? Vivono forse negli anni Cinquanta?” Questa idea mi ricordava un vecchio film, di quelli in bianco e nero che mi annoiavano quando li guardava mia nonna.

Poco dopo ho capito quanto mi sbagliassi. Corteggiare è un processo attuale ed estremamente conveniente. È una tappa importante che dobbiamo sperimentare prima di lanciarci alla ricerca della Volontà di Dio riguardo al matrimonio. Pensiamola così: prima di partire per un viaggio, bisogna sapere dove si va, cosa si deve visitare, con chi si viaggerà. Ora immaginate che quel viaggio sia la vostra vita e cercate di condividerla con qualcuno. Il corteggiamento è il tempo in cui stabilirete insieme se i vostri progetti di viaggio sono compatibili e se avete le stesse intenzioni.

1. Il corteggiamento è il passo per iniziare una relazione che abbia un proposito

Attenzione, però: andare a cena o a prendere un caffè non è lo stesso di una proposta di matrimonio. Molte coppie decidono di prendere un impegno in base a emozioni e passioni transitorie anziché farlo saggiamente. La meta del corteggiamento non è arrivare all’impegno. La meta per la nostra vita dev’essere glorificare Dio con ciascuna delle nostre azioni. Una relazione di corteggiamento, quindi, dev’essere guidata da decisioni sagge e centrarsi su due priorità: la prima è trattarsi a vicenda con santità e sincerità, la seconda è decidere insieme e con saggezza sul matrimonio.

Durante il corteggiamento, ciò che conta è coltivare e proteggere. Bisogna coltivare una relazione che aiuti a conoscersi profondamente, nelle virtù e nei difetti, ma proteggendo entrambi i cuori, perché non si conosce il risultato di quella relazione. Per quanto le intenzioni possano essere buone, il futuro è incerto, e quindi bisogna conoscersi e trattarsi in modo tale da poter guardare a questa tappa senza alcun risentimento indipendentemente dal risultato.

2. Mantenere l’equilibrio tra le due priorità

Il successo si basa su questo. È ovvio che il proposito è prendere in considerazione il matrimonio, ma allo stesso tempo si deve lottare contro l’impulso di presupporre che ci si sposerà. Se i due si proteggono troppo, difficilmente arriveranno a conoscersi; se arrivano all’intimità (di qualsiasi tipo) troppo rapidamente, si espongono a un danno emotivo o a prendere decisioni sbagliate in futuro. Sono più che amici ma meno di coniugi, i loro corpi e i loro cuori si appartengono completamente, e quindi l’amicizia, il cameratismo e il romanticismo devono essere elementi fondamentali e ben proporzionati nel processo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni