Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconStile di vita
line break icon

Dipendenza da smartphone? La gratitudine permette di ridurla, parola di psicologa

PHONE

Shutterstock-Marcos Mesa Sam Wordley

Mathilde De Robien - pubblicato il 22/02/19

Il nesso fra gratitudine e dipendenza da telefono non è evidente a prima vista, bisogna riconoscerlo. Eppure coltivare ogni giorno la gratitudine si rivela mezzo efficace per lottare contro quei piccoli “shottini di piacere” che app, notifiche e messaggi provocano in noi. Ce lo spiega Jliette Lachenal, psicologa.

Pensata e voluta dall’industria del Web, la dipendenza da smartphone è – secondo Juliette Lachenal – il male del secolo. Psicologa e psicoterapeuta, fondatrice di PepPsy, un programma di video-coaching, Lachenal constata l’impatto dello smartphone sul suo modo di stare al mondo. E mette in guardia contro

una dipendenza che impedisce di essere efficaci sul lavoro, che impedisce di essere presenti a ciò che si fa, che impedisce di approfondire le relazioni umane, che impedisce una vita interiore.

Secondo lei, questa dipendenza diventa patologica quando ha conseguenze sulla vita professionale, famigliare, professionale: impazienza, irritabilità, tristezza, esclusione… Ecco perché invita a sconnettersi dallo smartphone con l’ausilio di una pratica sana, naturale e positiva: la gratitudine.

Una chiave per lottare contro la smartphone-dipendenza

Come si diventa dipendenti da smartphone? Esiste una risposta di ordine biochimico: la dopamina, chiamata anche “ormone del piacere”, provata dall’arrivo di messaggi, di notifiche o altro, eccita il cervello e genera uno stato gradevole benché di breve durata. Donde, talvolta, il controllo sistematico e complessivo dell’apparecchio. Il problema è che quest’overdose di piacere aumenta nel lungo periodo lo stress e dunque il malessere.


MAN DEPRESSED WEB ADDICTED

Leggi anche:
Famiglia web-dipendente: da 2 anni incollati al pc, non uscivano più di casa

Secondo Juliette Lachenal, per diminuire questo stato di stress bisogna anzitutto aumentare il benessere, per poter quindi agire sulla fonte di dipendenza che dello stress è responsabile.

Ed è lì che entra in gioco la gratitudine. Perché prima di cercare di limitare l’uso del telefono è necessario riempirsi di cose belle. E imparare a riconoscere e a gustare il bello della vita: imparare a ringraziare – questo contribuisce ad aumentare il benessere.

Da una parte la gratitudine aumenta la capacità di trovare la gioia nel presente, cosa che contribuisce a ridurre la voglia di impugnare lo smartphone; d’altra parte, poiché essa provoca la secrezione di serotonina (l’“ormone del benessere e della felicità”), il bisogno di certi “shottini di piacere” diminuisce. Chimicamente parlando, quando il nostro cervello secerne più serotonina, ha meno bisogno di dopamina – dunque meno bisogno di smartphone.


TECHNOLOGY

Leggi anche:
Tre segreti per superare la dipendenza dalla tecnologia

La “battaglia” fra i neurotrasmettitori non si ferma lì. È più facile “vincere” coltivando la gratitudine perché gli effetti generati dalla serotonina sono più durevoli di quelli che vengono dalla dopamina. I benefici della gratitudine perdurano, laddove i piaceri conseguiti immediatamente apportano la loro dose di stress. Ecco perché la gratitudine è un’arma efficace.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dipendenzenuove tecnologiepsicologia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni