Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconSpiritualità
line break icon

Durante un'estasi Santa Maddalena de' Pazzi ha attraversato il Purgatorio

MARY MAGDALENE DE' PAZZI

Public Domain

don Marcello Stanzione - pubblicato il 22/02/19

Maria Maddalena stava a ricreazione con alcune consorelle nel giardino del Monastero. Improvvisamente fu rapita i estasi e prese a gridare: ”Si, io sono pronta a venire dappertutto!” Con queste parole il cui significato non poterono capire le sue compagne, la Santa fece capire la sua disposizione a seguire il suo angelo custode in un viaggio attraverso il Purgatorio; e subito iniziò questo viaggio tormentoso del quale poi fu fatta una sconcertante e commovente descrizione.

Per due ore la Santa continuò a girare attorno per il giardino del Monastero sempre in estasi, fermandosi di tanto in tanto ed emettendo nel contempo profondi sospiri contemplando con grande visioni di cose alle quali il suo angelo custode soprattutto doveva prestare attenzione. Prendiamo direttamente dal testo raccolto dalle suore che le stavano accanto.

” … Entrando in questo viaggio – si legge – ita che fu cominciò forte a tremare, battendo le mani insieme, travagliandosi assai nel volto, pallida e terrea e andava curva e rannicchiata come quando uno ha una gran paura. E in questo principio andava ancor un poco e poi si ritirava tanto, perché le pareva di essere tormentata ancor lei entrando in quel luogo…”Io – diceva poi – xpativo per vedere tanto loro patire, ma non era che io sentissi già le stesse pene perché non credo che una creatura mortale fosse possibile che la sentisse”. Durante il suo viaggio a volte si fermava e diceva con voce compassionevole: ”Pietà, pietà, misericordia! O sangue discendi e libera queste anime! Poverini voi patite così tanto e state così contenti!”. Quando fu ita un pezzo incominciò a pregare Gesù che gli mandasse aiuto oltre al suo angelo custode, che di già gli aveva dato, anche S.Caterina, però che erano tanto grandi le pene…e invocava…”O, Caterina vieni, vieni aiutami a chiedere misericordia per queste povere anime e offri il Sangue del tuo e mio Sposo per loro …” … ”O, poverine, voi sopportate tanta crudel pena, e siete sì contente e allegre. Ma voi conoscete la volontà di Dio e che presto avrete a godere la sua beata visione…”.




Leggi anche:
Questa santa ha vissuto per 40 giorni le sofferenze delle anime del Purgatorio

Una volta la Santa gridò: ”Oh! Che io non dovessi vedere così da vicino questi poveri tormentati!”. Ma essa dovette obbedire e scendere altri gradini di quell’abisso…A in certo momento si fermò fremendo in tutto il corpo e gridò: ”Come? Anche i sacerdoti religiosi in questo luogo spaventoso! Oh mio Dio, quanto li vedo soffrire!”. Dopo che Maria Maddalena ebbe lasciato il luogo stabilito, nel Purgatorio per i sacerdoti, essa arrivò nel luogo dove si trovano le anime di coloro che hanno peccato più per ignoranza che per cattiveria. Questo luogo era meno pauroso. Qui la Santa trovò anche l’anima del suo defunto fratello. Essa gridò:”O povero fratello mio quanto tremendamente tu devi soffrire! Ma consolati! Tu sai che queste pene ti aprono la strada della beatitudine eterna!”.

Dopo un po’ la Santa aggiunse: ”Io vedo che tu non sei triste, perché sopporti le pene, che sono tremende, ma volentieri e sei felice! Quando tu eri ancora a questo mondo, non hai voluto ascoltare quando ti ammonivo e ti davo consigli. Adesso, a quanto vedo, tu desideri tanto che io ti ascolti. Che cosa vuoi da me?”. Egli le chiese un determinato numero di Messe e Sante Comunioni. Il viaggio straordinario della Santa continuò. Dopo alcuni passi essa diede a capire che ora vedeva delle anime molto più felici. Essa gridò: ”Come è spaventoso questo luogo! Oh, ratio Dio! Chi sono coloro che qui soffrono così paurosamente?”. Le fu risposto che quelle persone che in vita avevano peccato di ipocrisia – gli ipocriti – poi proseguendo vide le anime di coloro che furono impazienti e disubbidienti. Osservando più da vicino queste anime, essa fece i gesti più diversi, piegò il capo fino a terra, poi fissò gli occhi in un punto ed emise nel contempo dei profondi sospiri. Poco dopo essa sembrò ancora più sconvolta; era giunta in quel luogo del Purgatorio dove stavano i menzogneri e parvero le loro sofferenze paurose.


NICHOLAS OF TOLENTINO

Leggi anche:
Sette messe per uscire dal Purgatorio: la visione di San Nicola di Tolentino

Poi giunse dove stavano quelli che avevano peccato per fragilità e consuetudine. Un po’ avanti essa trovò gli avari ed infine quelli che espiavano le loro impurità; essi si erano pentiti e avevano confessato i loro peccati, ma non avevano espiato e riparato abbastanza. La Santa a questo punto ebbe l’impressione che le venisse stretto il cuore come in una morsa. Essa attraversò questo luogo senza dire una parola. Ma poi lasciato che ebbe questo luogo spaventoso, la si sentì chiedere: ”O mio Dio, e mio Signore, perché mi hai fatto vedere cose così spaventose? Forse perché io abbia maggiore compassione per le povere anime e per l’avvenire io debba pregare ancora di più? Ma no,adesso capisco chiaramente : tu hai voluto, farmi conoscere meglio la tua incomparabile e unica purità”.

Dal luogo degli impuri la Santa arrivò nel luogo dei superbi e degli ambiziosi. Qui dominava un’impenetrabile terrificante e fredda oscurità. Si udì che la Santa diceva:”O, questi poveretti che sulla terra vollero essere innalzati sopra gli altri ed ora devono stare in una tenebra così spaventosa!”. Essa vide anche le anime di coloro che da vivi erano stati, freddi e indifferenti verso Dio tanto buono, che ebbero così poco amore verso il loro Creatore, Padre e Redentore e forse nemmeno hanno saputo che cosa veramente volesse dire amare veramente Dio. Alla vista di queste povere anime ritornò in mente alla Santa un rinnovato impegno di pregare, e un più tenero e intimo amore verso Dio.




Leggi anche:
Le notti insonni di santa Teresa Couderc con le anime del Purgatorio

Finalmente la Santa arrivò in quel luogo dove venivano purificate le anime che a questo mondo non avevano commesso gravi mancanze, ma solo peccati veniali di ogni genere. Dopo due lunghe ore di girovagare attorno al giardino l’estasi cessò, Maria Maddalena ritornò di nuovo in sé, ma si sentì così sconvolta sia nel corpo che nello spirito, che ci vollero parecchi giorni prima che riuscisse in qualche modo a riprendersi dalla tremenda impressione prodotta in lei da questa visione del Purgatorio. In quanto al prezzo da lei pagato per il suo defunto fratello, la colpì tremendamente per il fatto che suo fratello sarebbe dovuto rimanere in Purgatorio finchè essa avesse offerto a Dio 107 Sante Comunioni per lui. Essa chiese allora insistentemente al Signore di poter patire lei quelle pene del purgatorio al posto di suo fratello. Tutta sconvolta essa recò dalla Priora del monastero e le disse:”Madre, in non avrei immaginato che colà si patisse così tanto, se Dio stesso non me lo avesse fatto vedere”. Un’altra volta dopo una visione del Purgatorio la Santa disse: ”Mio Dio, dopo aver visto queste cose spaventose, che non posso tuttavia chiamare spaventose, ma piuttosto desiderabili, poiché esse conducono le povere anime incontro a un’indicibile beatitudine!”.

Per quanto riguarda i castighi o le pene del Purgatorio, non si debbono minimizzare anche le più piccole colpe veniali, lo dimostrano i due seguenti racconti, tratti dalla vita di S. Maria Maddalena de’Pazzi. Mentre stava un giorno in adorazione davanti al SS. Sacramento, vide l’anima di un’altra monaca, salire, alzarsi, che, come le fu rivelato aveva trascurato una o l’altra delle comunioni stabilite dalla Regola e aveva per il resto osservato diligentemente le regole dell’Ordine e aveva condotto una vita molto virtuosa. Ma la pigrizia nell’andare alla Comunione l’aveva condotta in Purgatorio.




Leggi anche:
La notte in cui l’assistente di Padre Pio fu tormentato da un’anima del Purgatorio

La Santa raccontò anche di una suora di un altro ordine religioso che dovette espiare nel Purgatorio per queste tre mancanze che essa aveva stimato di poco conto: senza un vero bisogno essa aveva fatto dei piccoli lavori femminili in un giorno di domenica o di festa. Inoltre per rispetto umano, essa aveva trascurato di riferire alla Priora di alcune divine esortazioni da parte di Dio, che riguardavano la comunità monastica e il suo spirito; e poi aveva anche un’affezione troppo grande per i suoi parenti.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
estasipurgatoriosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni