Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Abbazia dell’XI secolo tornerà alla sua missione spirituale anziché essere trasformata in un albergo di lusso

BASSAC ABBEY
AFP
Condividi

Un gruppo di cristiani ha annunciato di recente l'ambizioso progetto di far risorgere l'abbazia di Bassac, nella Francia sud-occidentale

“Abbiamo scelto di trasformare l’abbazia di Bassac nel primo modello dell’iniziativa no-profit che stiamo lanciando per un Occidente che prende in mano il proprio destino, ispirata ai valori basati sul cristianesimo al servizio della grandezza dell’uomo, della dignità della persona e della difesa dell’individuo con libertà di coscienza. L’abbazia di Bassac riunisce tutte le qualità richieste per essere la sede di un progetto cristiano che mira ad accogliere, illuminare e ispirare la nostra società”, recita il documento firmato da Hervé Gosselin, vescovo di Angoulême, padre Jean-Louis Souletie, decano della Facoltà di Teologia dell’Institut Catholique di Parigi, e Pierre Deschamps e François Hériard-Dubreuil, co-fondatori della Fondazione Abbazia di Bassac, pubblicato il 28 gennaio su Figarovox.

© Stéphane Charbeau

Portare avanti un’epopea millenaria

Cosa può insegnare la millenaria abbazia di Bassac alle persone del XXI secolo? Quali contributi sociali, ambientali, culturali e soprattutto spirituali può offrire alla nostra epoca? Sono queste le domande a cui cerca di rispondere il progetto intitolato Bassac 2e Millénaire (Bassac II Millennio). Per un migliaio di anni, le abbazie sono state luoghi di pace e guarigione, in cui si cercava la Verità in silenzio. Consapevole della sua ricchezza patrimoniale, sociale e spirituale, il gruppo – formato da cattolici e da cristiani di altre denominazioni – ha intrapreso il grande progetto di riportare l’abbazia di Bassac alla sua missione. L’abbazia è caduta in disuso a seguito della partenza dei Fratelli Missionari di Santa Teresa nel 2012, ma i monaci hanno posto la condizione che in futuro portasse avanti la sua missione spirituale e non si trasformasse in un albergo di lusso o cose del genere.

Partner cristiani impegnati

Sette anni fa, la diocesi di Angoulême, sotto la leadership del vescovo Gosselin, si è impegnata a mantenere la missione originaria dell’abbazia con l’aiuto di vari partner: i Fratelli Missionari, amici dell’abbazia e di François Hériard-Dubreuil, presidente del gruppo d’affari Rémy-Cointreau (produttori di cognac, liquori e alcolici in generale), e Pierre Deschamps, presidente di Imprenditori e Leader Cristiani (EDC, dalle iniziali in francese) dal 2006 al 2011. Il progetto ha attirato subito questi ultimi due leader cristiani. “Sono venuto nell’abbazia di Bassac per trovare del tempo per l’interiorità. Rappresenta il tipo di luogo di cui la nostra società ha bisogno. La nostra idea è che l’abbazia di Bassac diventi ‘la Casa del Tempo’, una visione del futuro che è frutto di un lungo discernimento collettivo”, ha affermato Hériard-Dubreuil.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.