Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Padre, ho bisogno di quei soldi”: così presunti fedeli hanno sottratto 200mila euro a Don Anselmo

MONEY
Condividi

Megatruffa all'anziano prete di due parrocchie dell'appennino tosco-romagnolo: si spacciavano per persone bisognose e invece… ecco cosa accadeva

Don Anselmo Fabbri è un anziano sacerdote ancora in attività e cura le anime dei fedeli che ricadono sotto due province, anzi due regioni. Ha 87 anni (ancora da compiere), è il parroco della piccola chiesa di Sant’Adriano di Marradi (Firenze) e amministratore della parrocchia di San Martino in Gattara, sotto Brisighella (Ravenna).

I due paesi dell’Appennino tosco-romagnolo distano venti minuti uno dall’altro e appartengono alla diocesi di Faenza e Modigliana.

Assegni tra mille e 5mila euro!

Don Anselmo, spiega Il Resto del Carlino (17 febbraio), col suo legale di fiducia, l’avvocato Davide Pezzi, qualche giorno fa si è presentato in caserma a Faenza per sporgere una singolare denuncia. Ai militari ha raccontato che a partire dal 2017 avrebbe elargito somme consistenti a chi gli chiedeva un gesto di carità. Anche mille euro per volta, ma in certi casi sarebbe arrivato a regalare 5mila euro, sempre firmando assegni circolari.

Soldi che vanno ricondotti a due conti correnti privati del parroco, nonché ad altrettanti della parrocchia. Dunque, anche i soldi raccolti con le offerte di chi va in chiesa.

L’ipotesi di reato

Sarebbero state diverse le persone che avrebbero approfittato della sua generosità. Ma anche e soprattutto della sua età avanzata: questa la prima ipotesi degli investigatori, che stanno già mettendo al setaccio i conti del religioso, per risalire ai fortunati destinatari degli assegni. Tutto ancora in fase di chiarimento e di precisa quantificazione dell’ammanco complessivo, precisa il suo legale. Si sa soltanto che i beneficiari sarebbero diversi, tra cui cittadini stranieri.

Per ora, riporta sempre Il Resto del Carlino, la Procura a Ravenna ha aperto un fascicolo contro ignoti con le ipotesi di reato di circonvenzione d’incapace e truffa aggravata.

© CREATISTA/SHUTTERSTOCK

Perché solo ora?

In molti si sono chiesti perché don Anselmo ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri. L’avvocato sostiene che si è reso conto di essere stato vittima di raggiri in serie dopo aver notato che le persone che gli venivano a domandare un aiuto erano sempre le stesse. E in certi casi gli amici degli amici. «Padre, ho bisogno di quei soldi». Appelli e richieste dovevano suonare più o meno così.

E ora tutti questi presunti approfittatori dovranno rispondere in sede penale sulla “lealtà” dei loro prelievi” a don Anselmo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni