Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 27 Novembre |
Prima domenica d'Avvento
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Antonella Ferrari e la sclerosi multipla: a Medjugorje ho imparato a pregare dicendo “Sia fatta la Tua volontà”

shutterstock_506562778

Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 20/02/19

A teatro porta in scena se stessa raccontando la sua storia: quella di una donna realizzata nonostante la sclerosi multipla. "Mio padre mi ha insegnato a vivere la malattia accettandola con fede"

Antonella Ferrari è solare, sorridente, ironica. Attrice, scrittrice, giornalista, ambasciatrice dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Era solo una bambina di 11 anni quando per la prima volta durante la lezione di danza le sue gambe si bloccano, come inceppate facendola cadere a terra. I medici riconducono tutto allo stress eppure questi problemi vanno avanti per anni, l’attrice lo racconta a Giusy Fasano in un’intervista alCorriere. 

“Avevo periodi in cui stavo bene e altri in cui stavo malissimo (…) Se dico come mi sento mi crederanno?” (Ibidem)

Più forte del destino

Ci sono voluti 18 lunghi anni, di incertezze, paure, dolori, per arrivare alla diagnosi di sclerosi multipla. Anche per questo Antonella ha deciso di imprimere su carta la sua storia scrivendo un libro dal titolo: “Più forte del destino. Tra camici e paillette. La mia lotta alla sclerosi multipla” (Mondadori, 2012) composto di tanti colori: il nero della sofferenza, il grigio dello sconforto, il verde della speranza, il giallo della rinascita, il rosso delle piccole e grandi vittorie. Il libro poi dagli scaffali è finito sul palcoscenico del teatro, di tanti teatri (è in tour da 4 anni): “porto in scena la mia vita” ripete spesso, insieme alle sue coloratissime stampelle.

View this post on Instagram

A post shared by Antonella Ferrari (@antonellaferrari_official)

“Quel libro è stato un viaggio nel dolore di tanti anni e nella nebbia attorno alla diagnosi. Scriverlo è stato doloroso, ma ripercorrere tutto quel tempo mi ha fatto fare pace con i ricordi” (Corriere)

Emanuela Crestani e Paolo Garattini

Leggi anche:
Lella, affetta da sclerosi multipla, riceve una grazia a Lourdes. Ma non è quella che credete

Sono realizzata nonostante la sclerosi multipla

Uno spettacolo che diverte ma fa pensare…

“Perché non racconto il pietismo o la pena di una condizione, racconto una donna che si è realizzata nonostante la sclerosi, racconto le difficoltà di ogni giorno con sincerità e senza retorica” (Ibidem)

“Per me il lavoro è terapeutico”

Appassionata del suo lavoro, il pubblico l’ha apprezzata in televisione nella serie Centovetrine e nella fortunata fiction Un matrimonio di Pupi Avati. La professione è un motore potente per ripartire quando si deve combattere e convivere con la malattia. Infatti dopo un’iniziale momento di sconforto è tornata la voglia di recitare e di mettersi in gioco.

“Io sono un’attrice e sono brava (…) sono una che ha studiato, non sono improvvisata e mi dispiace, mi amareggia molto quando la mia cartella clinica mette in ombra il mio lavoro. Per me il lavoro è terapeutico, è vita. Non amo per niente fare la malata a tempo pieno” (Ibidem)

Ma Antonella prima di essere una bravissima attrice è una moglie innamorata che ha desiderato di diventare madre con tutta se stessa. Il sogno non si è realizzato nella maniera in cui immaginava e non a causa della patologia di cui soffre, come ha specificato a Paola Saluzzi, ospite del suo programma L’Ora solare, ma per un susseguirsi di problematiche, tra tutte la diagnosi tardiva e le terapie debilitanti…

“(…) Dio ha deciso questo e io non mi ci metto nelle decisioni dell’Alto. Noi volevamo fortemente un bambino, però non volevamo forzare la natura e non potevamo neanche con la mia condizione di salute, allora abbiamo deciso di provare ad adottare e lì ci siamo scontrati con un mondo che ci ha veramente fatto male. Perché abbiamo scoperto che io non posso adottare un bambino perché ho una disabilità, ho una malattia neuro degenerativa”

PAOLA SALUZZI

Leggi anche:
Paola Saluzzi: in Chiesa accendo sempre le candele come mi ha insegnato mia mamma

La dichiarazione del marito: “Ti ho amata in piedi ti amerò anche da seduta”

La quotidianità di Antonella Ferrari è fatta di famiglia, lavoro, cure, farmaci e tanta fisioterapia. Per lei la malattia non è un’opportunità, ci tiene a specificarlo alla conduttrice di TV2000, ci sono tante difficoltà da affrontare, però ci si può convivere serenamente e trovare il modo di reagire grazie anche agli affetti. Tra il 2009 e il 2010, racconta l’attrice, una grave ricaduta l’ha costretta sulla sedia a rotelle per un anno e le parole del marito Roberto furono la più bella ed inaspettata dichiarazione di amore che potesse immaginare:

“Ti ho amata in piedi ti amerò anche da seduta”

Ho imparato a pregare a Medjugorje grazie a mio padre

Al papà ha dedicato il suo libro, a quel papà malato che non si lamentava mai, che le ha insegnato la dignità del dolore e che è riuscito ad accompagnarla per un pezzettino all’altare.

“Era la mia forza (…) mi ha insegnato a vivere la malattia accettandola con fede. (…) Grazie a lui ho imparato a pregare in un modo meno egoistico. Io non ho mai pregato per me, non ho mai chiesto a Dio “fammi guarire” perché ritengo di aver già avuto un grande miracolo di saper vivere la vita nonostante tutto con gioia, non posso chiederGli di più. Però per mio padre ero molto rompiscatole e chiedevo “ti prego non portarmelo via, ti prego lasciamelo qui” e non mi rendevo conto che stavo chiedendo quello che era giusto per me e che non era detto fosse giusto per lui. In un pellegrinaggio a Medjugorje un prete mi disse: “Antonella tu stai pregando in modo egoistico, impara a dire Sia fatta la Tua volontà”. Io l’ho imparato in quel pellegrinaggio a Medjugorje e un mese dopo mio padre se ne è andato. Credo di averlo liberato dal mio egoismo”.

MARA SANTANGELOo

Leggi anche:
Mara Santangelo: ho vinto tanto ma ero infelice. A Medjugorje è cambiata la mia vita

E arrivare a pronunciare questo “Sì” è una grazia, perché desiderare di compiere la Sua Volontà, affidarsi a Lui, al suo disegno, è fondamentale per la nostra vera felicità. Il papa emerito Benedetto XVIin un’omelia del 2005 ricordava a noi tutti che fare la volontà di Dio all’inizio appare impossibile e invece poi si rivela il nostro vero bene, l’unico modo per sperimentare la gioia piena a cui il nostro cuore anela.

“Sia fatta la volontà di Dio”: Maria ci invita a dire anche noi questo “sì” che appare a volte così difficile. Siamo tentati di preferire la nostra volontà, ma Ella ci dice: “Abbi coraggio, dì anche tu: ‘Sia fatta la tua volontà’, perché questa volontà è buona. Inizialmente può apparire come un peso quasi insopportabile, un giogo che non è possibile portare; ma in realtà non è un peso la volontà di Dio, la volontà di Dio ci dona ali per volare in alto, e cosi possiamo osare con Maria anche noi di aprire a Dio la porta della nostra vita, le porte di questo mondo, dicendo “sì” alla Sua volontà, nella consapevolezza che questa volontà è il vero bene e ci guida alla vera felicità.

Tags:
attoremedjugorjesclerosi multiplateatro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni