Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sanguigno, collerico, malinconico o flemmatico? Ecco le vostre Quattro Tempora!

PORTRAIT
Shutterstock
Condividi

Secondo San Giovanni Damasceno, digiuniamo quattro volte all'anno per combattere il lato più debole del nostro temperamento

Nella cultura occidentale c’è una teoria per la quale ciascuno di noi ha un certo “temperamento”, o tipo di personalità, che ci inclina verso azioni e comportamenti particolari. Una classificazione molto considerata designa questi tipi come sanguigno, collerico, malinconico e flemmatico.

Ogni temperamento ha i suoi punti di forza e le sue debolezze, e si crede che più una persona conosce se stessa e il proprio temperamento, meglio può usare i doni e i talenti che ha ricevuto per la maggior gloria di Dio.

È interessante come San Giovanni Damasceno, santo sacerdote dell’VIII secolo, abbia spiegato la ragione per cui nella Chiesa cattolica ci sono le Quattro Tempora (giorni tradizionalmente di digiuno che ruotano intorno alle quattro stagioni dell’anno) è combattere il lato più debole del nostro temperamento. Le Quattro Tempora non sono più osservate ufficialmente nel calendario romano, ma vengono mantenute nelle comunità di rito straordinario e dall’Ordinariato negli Stati Uniti, come anche dai cattolici di altri Paesi, e negli USA possono essere osservate anche nella forma ordinaria a discrezione del vescovo locale.

La riflessione spirituale medievale intitolata Legenda Aurea si riferisce alla teoria di San Giovanni Damasceno basata su un’antica considerazione medica greca:

[Una delle ragioni dietro le Quattro Tempora], come affermato da Giovanni Damasceno, è che in primavera c’è un aumento del sangue, in estate della collera, in autunno della malinconia e in inverno della flemma.

Questo ragionamento viene poi esteso:

1 In primavera digiuniamo per indebolire il sangue della concupiscenza e della felicità insensata in noi; la persona sanguigna è libidinosa e volatile.

2 In estate digiuniamo per indebolire la bile della rabbia, perché la persona collerica è naturalmente incline al cattivo comportamento e all’inganno.

3 In autunno digiuniamo per contrastare la malinconia della cupidigia e dell’abbattimento, perché il malinconico è naturalmente avido e cupo.

4 In inverno il nostro digiuno riduce la flemma dell’indolenza e della pigrizia, visto che il flemmatico è per natura monotono e indolente.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.