Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa fare quando gli scandali travolgono la Chiesa (ancora)

The Last Judgment caused an argument between Cardinal Gian Pietro Carafa and Michelangelo. Because the painting includes nudes, the artist was accused of obscenity and immorality. Carafa and Nino Sernini (the ambassador of Mantua) organized the so-called "fig leaf campaign" to have the frescoes censored, and possibly totally erased.
Condividi

Messa e adorazione

Il primo passo dell’essere un leader è capire Chi seguiamo. Prima di essere leader siamo seguaci di Gesù Cristo, e quindi dobbiamo essere totalmente devoti a Lui e offrirGli l’adorazione di uno spirito contrito. Andare a Messa non è opzionale – è assolutamente necessario. La Messa è la preghiera perfetta di Cristo, e con la nostra partecipazione piena, consapevole e attiva diventiamo più simili a Lui. È essenziale centrare tutta la nostra vita intorno alla Messa domenicale.

Se ci riuscite, provate ad andare alla Messa quotidiana almeno una volta a settimana, o perfino tutti i giorni. Cercate una chiesa accanto a voi che offra l’esposizione del Santissimo Sacramento e l’Adorazione e trascorrete del tempo davanti a nostro Signore. Se non ci sono chiese che espongano il Santissimo Sacramento, ricordate la Sua presenza in ogni tabernacolo del mondo.

La preghiera è la nostra arma più potente. Senza di essa non abbiamo speranza.

Un’era di purificazione

Negli scandali che travolgono attualmente la Chiesa bisogna tenere a mente un’altra cosa. Per quanto sia doloroso questo periodo, si sta verificando una grande azione dello Spirito Santo. La Chiesa viene purificata dall’interno, anche se dolorosamente. È questo il tempo che ci è stato dato. Dio ce lo ha affidato, ed è nostra responsabilità coglierlo. È il momento della purificazione, della riparazione, di una maggiore santità, di concentrarsi di più su Gesù Cristo nostro Signore.

Fare un passo avanti ed essere leader significa che diciamo la Verità nell’Amore, indipendentemente dal costo personale. Nostro Signore ci ha offerto l’immagine perfetta dell’amore che si sacrifica sulla Croce, e ci chiama a prendere su di noi la nostra croce, a unirla alla Sua e a seguirLo. Al giorno d’oggi essere cattolici non è popolare. È difficile e c’è una vera vergogna associata a nostra Madre, la Chiesa. Quello che influisce su un membro del Corpo influisce su tutti.

Responsabilità collettiva

Speriamo di non aver avuto nulla a che fare con gli abusi che si sono verificati e con il crimine e il peccato di averli coperti. Nonostante questo, credo che Cristo ci stia chiamando a prenderci sulle spalle le responsabilità. Come Egli ha preso su di Sé i peccati dell’uomo mentre si disponeva ad essere crocifisso, siamo chiamati a portare la colpa e il peccato dei nostri fratelli e delle nostre sorelle in Cristo che hanno agito indicibilmente male. Nel nostro mondo tanto individualista e concentrato su di sé, dobbiamo riscoprire la nozione della responsabilità collettiva ed espiare i peccati altrui.

Pregare per i nemici della Chiesa che sono all’interno della Chiesa stessa

Dobbiamo pregare per i nemici della Chiesa che sono al suo interno. È indubbio che Satana si sia infiltrato nella Chiesa. Gli atti demoniaci di abuso sono un sintomo di questa realtà. L’unico modo per scacciarlo è la preghiera ardente. Dobbiamo pregare per chi è all’interno della Chiesa ed è influenzato dalle macchinazioni del Maligno. Dobbiamo offrire espiazione a Dio per gli atti malvagi di queste persone. Dobbiamo portare le nostre richieste davanti a nostro Signore e alla Sua misericordia e chiedere la grazia di sradicare qualsiasi peccato dalla nostra vita.

Penitenza: pubblica e privata

Una delle cose più potenti che ho testimoniato da quando è scoppiato lo scandalo sono le azioni del mio parroco. Questo sacerdote buono e santo ha organizzato una Giornata di Riparazione nella festa di Santa Teresa di Calcutta chiedendo alla parrocchia di unirsi a lui a Messa, nell’adorazione nel corso della giornata e in un’Ora Santa di riparazione la sera. Si è anche impegnato a portare avanti in modo indefinito questa ora il mercoledì sera. La nostra è un’epoca di riparazione perché ogni peccato è un’ingiustizia e dobbiamo fare ammenda. Gli atti pubblici di penitenza come questo sono necessari.

Servono anche gli atti privati di penitenza. Secondo il Diritto Canonico, ogni venerdì è un giorno di penitenza, ma magari potremmo pensare a qualcosa di più del solo venerdì. Rinunciate alla carne ogni venerdì dell’anno, anche al di fuori della Quaresima. Ci sono molti modi per offrire potenti preghiere di penitenza per cercare la riparazione dei peccati, personale o collettiva.

Offrire assistenza ai propri sacerdoti

I nostri sacerdoti sono in prima linea e combattono la battaglia di una vita. Ogni volta che escono con l’abito religioso, sono oggetto di discriminazione, paura e odio a causa delle azioni di pochi. Sono anche il nostro canale per i sacramenti. Senza i nostri sacerdoti non possiamo essere santificati, e senza la santificazione che i nostri sacerdoti ci offrono nei sacramenti non possiamo realizzare il compito di santificare il mondo. Cucinate per i vostri sacerdoti, offrite preghiere per loro, inviate loro lettere di incoraggiamento, dite loro che stanno facendo un ottimo lavoro, fate sapere che sono necessari… ci sono tanti modi per offrire assistenza e incoraggiamento ai nostri sacerdoti.

Perdono

Se qualcuno vi ha fatto un torto, Cristo vi esorta a perdonare quella persona. A volte è uno degli aspetti più difficili dell’essere cristiani, ma se ci sono delle persone nella vostra vita che avete difficoltà a perdonare, chiedete a Gesù di donarvi la grazia di farlo.

Guardare avanti

So molto poco di quello che ci riserva il futuro. Quello che so è che Gesù non ci abbandonerà mai. Non importa quanto possa sembrare triste la situazione, la Chiesa è Sua. Si dice che Papa San Giovanni XXIII recitasse questa preghiera prima di andare a dormire quando era Pontefice: “Signore, oggi ho fatto del mio meglio al tuo servizio. Vado a letto. È la tua Chiesa. Prenditene cura!”

Tutto quello che possiamo offrire a Dio è il nostro meglio. Il meglio che possiamo offrire è un cuore disponibile e contrito. È la Sua Chiesa. Lo stesso Spirito Santo che dimora in ciascuno dei battezzati come in un tempio guida incessantemente la Chiesa. Dobbiamo ricordare che tutto ciò che accade è o direttamente voluto o permesso da Dio.

Il consiglio più pratico che posso offrire è questo: indipendentemente da ciò che fate un certo giorno, chiedetevi “Cos’ha a che fare questo con Gesù?” Se la risposta è “Niente”, fermate quella conversazione o quell’azione. È il momento di vivere davvero il cattolicesimo. Non possiamo permetterci di essere tiepidi. Con l’esempio, dobbiamo essere dei leader.
Qui l’originale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.