Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come sapere quando la rabbia è sana e quando non lo è

ANGRY FIRST
Shutterstock
Condividi

Nel giusto contesto, l'ira ha i suoi benefici, ma può diventare facilmente un veleno

Ho sentito il rumore di ceramica rotta provenire dalla cucina e ho capito che uno dei miei figli aveva spaccato un altro piatto. Non sono orgoglioso della mia prima reazione. Avrei dovuto innanzitutto preoccuparmi del fatto che mio figlio non si fosse fatto male, e invece mi sono arrabbiato. A casa nostra, nel corso degli anni i bambini hanno rotto un’infinità di piatti e bicchieri. Ogni volta mi verrebbe voglia di gridare. Non riesco a capire perché continui ad accadere, e mi irrita in modo irragionevole.

Avere accessi d’ira in pubblico sembra ormai sempre più accettabile. La rabbia attira l’attenzione, e quindi i titoli degli articoli online sono scritti in uno stile controverso per suscitare la curiosità, e la controversia è rinfocolata da vari politici per garantirsi il nostro voto. Dopo un po’, la rabbia diventa un’abitudine e si insidia nella nostra vita personale. Ci minacciamo nei testi, ponendo rapidamente fine alle amicizie se si verifica qualche disaccordo e fomentando in generale l’irritazione nei confronti di chi ci ha fatto un torto, pensando a quale tipo di dolorosa punizione eterna meriti. Anche gli eventi più irrilevanti possono scatenare la nostra ira.

Sarebbe meglio fermarsi un attimo e fare un bel respiro.

Se lì per lì inveire sembra dare soddisfazione, alla fine ci rende delle vittime. Le persone arrabbiate si sentono impotenti, e questo è il motivo per cui reagiscono in modo forte. Pensate a come si formano le mobilitazioni online per biasimare una persona o una società per averci rovinato la vita. Ci sentiamo vittime della vita in generale, e indirizzare la nostra rabbia verso cause esterne è un modo per cercare di riprendere il controllo, ma non funziona mai. La rabbia è stressante. Allontana gli amici e crea una sensazione costante di aver fatto qualcosa di sbagliato. Alla fine, uno stile di vita basato sulla rabbia rovina la nostra capacità di arrabbiarci in modo sano quando è davvero necessario.

La rabbia, come emozione, è neutra. Nel contesto idoneo, ha anche i suoi benefici. Quando vediamo ingiustizie o bullismo, è appropriato avere una reazione emotiva al riguardo. La rabbia, però, dev’essere sana. È questo che mi chiedo quando mi freno a malapena dall’inveire contro il mio povero bambino che sta guardando i frammenti di ceramica che una volta formavano un piatto: “La rabbia che provo in questo caso è sana?”

Come sapere quando la nostra rabbia è davvero sana e positiva e quando non lo è? Ecco qualche suggerimento.

Pagine: 1 2

Tags:
rabbia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni