Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che ne dite di moltiplicare ovunque le cellule del Monastero Wi-Fi?

CHIOSTRO FONTEVRAULT ABBAZIA VALLE DELLA LOIRA
Condividi

Nessuna novità sensazionale ma quella sempre attuale di Cristo e della via che ci ha lasciato nella Sua Chiesa: ascolto della Parola, preghiera, Eucarestia. I primi frutti del Capitolo Generale del Monastero Wi-Fi

Oggi una persona mi ha detto “guarda che un’esperienza come il monastero wi-fi non è affatto nuova”. “Me lo auguro proprio!” – ho risposto. È semplicemente la via che la Chiesa propone da circa duemila anni, minuto più, minuto meno. Ascolto della Parola, preghiera, eucaristia…. Niente di speciale. Ma qualcosa che cambia la vita, radicalmente.

Se preghiamo o non preghiamo, cambia tutto. E se preghiamo da soli o preghiamo insieme, cambia tutto ancora una volta, perché la preghiera è sempre da fratelli, non è mai solo per noi, infatti il Padre nostro è nostro, non mio, come ha ricordato due giorni fa il Papa (anche se ogni tanto a me mi rode – licenza poetica – perché vorrei sentirmi meglio degli altri, e non figlia dello stesso padre, il che è precisamente il motivo per cui prego: imparare ad amare Dio e i fratelli).

Noi da soli non siamo capaci di cambiare, di essere buoni. E’ inutile persino che ci proviamo. Una sola cosa ci è dato di fare: decidere di metterci in preghiera. Io personalmente so anche che non so pregare, e chiedo che Dio abbia pietà di me, e si accontenti del mio desiderio di pregare, che guardi con amore di padre gli sforzi con i quali vado a ripescare la mente e il cuore che vagano dietro la ricetta del medico da andare a ritirare, o l’amica da richiamare.

Leggi anche: Se diciamo Padre Nostro allora noi siamo Figli, insieme

Ma se noi da soli non possiamo cambiare, possiamo però allearci con uno molto più potente, in grado di farlo per noi (come dice don Fabio: se lo stato di San Marino dichiara guerra ti fa ridere, ma se prima si allea con gli Stati Uniti, allora non c’è più tanto da ridere). Insomma, chi prega si salva, come dice il prezioso libretto (ce lo avete?).

Per impedire che la bomba di grazia esplosa il 19 gennaio finisca in un nulla di fatto, è sicuramente necessario formare piccole cellule del monastero, ovunque sia possibile. Riunirsi a pregare, essere in comunione, chiamarci per nome, accogliere chiunque voglia venire, mettere il Signore al centro, certi che lui saprà cosa fare di questo desiderio di vita dello spirito. Stiamo cercando di capire come mettere in contatto chi, provenendo dalla stessa area geografica, ha partecipato al capitolo generale, per aiutare i confratelli wi-fi a ritrovarsi, sempre ricordando che quello che conta è il frutto che si porta nella propria famiglia e anche nella propria parrocchia di appartenenza, che è lì dove siamo chiamati a stare.

A Roma abbiamo pensato di provare a cominciare qualcosa di locale, in attesa del prossimo Capitolo generale, che sarà, possiamo già dirlo!, il 19 ottobre (salvo imprevisti), ancora a san Giovanni in Laterano, per generosa concessione di Sua Eminenza il Cardinal De Donatis. Chiunque voglia fare altrettanto, cioè formare piccoli “monasterini” locali, come già li chiamiamo con le genovesi bionde, è libero di farlo, questa non è una cosa nuova, come mi facevano notare oggi, e tanto meno è una cosa mia (né di chi ha fatto le catechesi, né delle organizzatrici): è una cosa del Signore, e della Chiesa, senza targhe, coloriture, appartenenze se non al desiderio di ascoltare la Parola e di pregare e dei sacramenti.

Leggi anche: Al via “Monastero Wi-Fi”. Spazi di preghiera e condivisione con Costanza Miriano (LIVE)

Insomma, lunedì prossimo, 18 febbraio, alle 20, abbiamo pensato di vederci “a casa di suor Fulvia”, cioè al Monastero dei Santi Quattro Coronati, vicino al Colosseo. Con noi e la padrona di casa ci sarà don Pierangelo Pedretti (che il 19 gennaio ha guidato l’adorazione): ci sarà una catechesi sulla Parola, e un momento di adorazione silenziosa. Alle 21 e qualcosa contiamo di finire, per andare a mettere a letto i figli (o a mangiare la pizza, chi vuole, è pieno di locali intorno). Tutti siete invitati, e tutti benvenuti.

Leggi anche: Suor Fulvia, catechesi per le donne del monastero Wi-Fi. Qual è il nostro chiostro?

Non sappiamo se i prossimi incontri saranno sempre lì, ma abbiamo pensato di farli ogni due settimane, un lunedì sì e uno no, con l’idea di intensificare (tutti i lunedì) nei tempi forti, quindi a partire da lunedì 4 marzo. Vi terremo informati qui sul luogo (se confermato ai santi Quattro o meno).

Ps Ovviamente la scelta è caduta sul lunedì perché è il giorno in cui è meno probabile che ci sia una partita quindi anche i mariti sono attesi.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.