Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nando Bonini e la “vita spericolata” verso Dio

© Nicola Allegri
Condividi

Da chitarrista di Vasco a terziario francescano

Per anni al fianco di Vasco Rossi come chitarrista poi la svolta durante un tour: nell’atrio dei camerini dello stadio San Paolo di Napoli, una statua della Madonna di Lourdes sembra osservarlo triste. Nando Bonini si ritrova, per un attimo, a guardarsi dentro, e si dice: “Nando, mi fai schifo!”. Comincia così, nel 1995, il suo cammino di riscoperta di quella fede che da anni rifiutava, mentre “l’intervento di Dio può davvero tutto”.

“Sono sempre più consapevole che mia moglie Marina – ha detto in una intervista a Credere (15 febbraio 2014) – sia stata la prima persona grazie alla quale Dio ha potuto operare nella mia vita, provocando in me il desiderio di cambiare direzione, di abbandonare gli atteggiamenti che mi rendevano schiavo”.

La moglie Marina l’ha assecondato in tutto, prima, dopo e durante la sua conversione. Lei stessa – racconta ad A sua immagine – pregava per lui e per il loro matrimonio. “Cercava da me un aiuto per non uscire, quando era in tournée. Si chiudeva in camera e parlavamo al telefono”. La cosa, confida, è partita proprio da lei: “Ho iniziato con una devozione alla Madonna di Pompei. Recitavo tre Rosari al giorno e andavo a Messa. Quando lui ha iniziato a mettere la musica al servizio della fede, io ho iniziato a dipingere icone”.

“Se dopo la mia ‘vita spericolata‘ siamo ancora sposati – ha aggiunto –, è perché ci siamo resi conto che Dio ci ha messo uno a fianco all’altra per un progetto d’amore che va oltre il sentimento e supera ogni momento di crisi: un modo per essere espressione del suo amore”.

Dell’altro avvenimento che lo ha portato alla fede, Nando, parla pochissimo, solo qualche breve accenno, per dire che la vita – la Provvidenza – lo ha portato a “prendersi delle responsabilità” e di fronte a quella chiamata è stato relativamente facile mettere in secondo piano la vita che faceva prima, pur così seduttiva.

Buoni o cattivi del 2004 è l’ultimo cd realizzato con Vasco Rossi. Già da diversi anni, tuttavia, aveva iniziato a mettere la sua professione a servizio dell’evangelizzazione. Nel 2001 aveva dato vita a un musical sulla Madonna ma con suoni essenzialmente rock dal titolo “Una donna vestita di sole” che aveva portato in tutta Italia. Da un po’ gira, inoltre, in lungo e largo per lo Stivale con concerti testimonianza, durante i quali racconta il suo cammino di conversione tra un brano e l’altro.

Il 13 maggio 2001 Nando insieme alla moglie Marina hanno emesso la professione perpetua nel Terzo ordine francescano secolare: “La nostra giornata è normalissima, con la differenza che comincia con la preghiera delle lodi e la Messa, dopodiché mia moglie entra nel suo studio dove dipinge icone sacre e io entro nel mio per realizzare canzoni, musiche e spettacoli. Le giornate sono scandite anche da momenti di incontro con la nostra fraternità francescana. Una volta al mese animiamo un’adorazione eucaristica, durante la quale si prega per l’unione nelle famiglie, e una volta a settimana ci rechiamo alla Madonna alle Ghiaie di Bonate, nella Bergamasca, per recitare il Rosario sempre per le famiglie”.

Nel suo carnet dopo la conversione uno spettacolo su San Francesco (1995, alle origini della sua conversione) e uno “Innamorato di Dio” che si ispira a San Giovanni Paolo II (2011) e alle sue opere. Ma anche recital su Don Guanella, Maria Maddalena e Medjugorje. Qui un video del chitarrista mentre esegue alcune improvvisazioni sul suo canale youtube:

[Per chi avesse piacere a ospitarlo insieme alla sua band per un concerto testimonianza, basta contattare l’artista tramite il sito internet: www.nandobonini.it

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni