Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Manuel Bortuzzo dall’ospedale manda un messaggio per tutti noi (AUDIO)

MANUEL BORTUZZO
Condividi

La tempra di questo ragazzo è stupefacente e assomiglia a quella di tanti giovani normali, impegnati con la propria vita, riconoscenti, capaci di partire sempre dal positivo. Grazie Manuel, siamo davvero tutti con te.

Sembra proprio il suo stile, questo. Dopo le difficoltà, anzi grazie a quelle, riparte più forte, deciso, umile di prima. Era finito a Ostia ad allenarsi proprio per questo; per recuperare dopo la mononucleosi. La vita gli toglie qualcosa? Non si ferma a lamentarsi o almeno non credo ci perda molto tempo ma riparte; capisce il da farsi, e lo fa.

Forse è per questo che in tantissimi hanno sentito il desiderio di stargli vicino, di mandare messaggi, di incontrarlo. Per la sua irriducibile positività, che emerge ancora di più per la gratuita ingiustizia subita da due che invece sembrano mezzi uomini.

Lo racconta anche Rosolino: Manuel trasmette forza, dice. E aggiunge una raccomandazione che dobbiamo a nostra volta diffondere. Tutta questa solidarietà deve che gli stiamo dimostrando deve continuare nei mesi, negli anni a venire.

In ospedale è arrivata anche Francesca Michielin, un’altra veneta con una certa stoffa. Dopo la vittoria di X-Factor disse a sua mamma qualcosa del tipo”andiamo a dormire che domani ho latino” . (Roma Repubblica)

Manuel ha voluto rispondere con una nota audio  lasciata al presidente della Fin, Paolo Barelli, all’affetto che lo sta raggiungendo da ogni dove con la sua “calorosità” ha detto. Non se l’aspettava.  Come potete sentire sto bene. Sì, lo sentiamo ma non potevamo immaginarcelo; non pensavamo sarebbe stata la tua prima frase pubblica.

Lui va avanti per la sua strada, ci dice grazie, ci spedisce un abbraccio. Ascoltatelo dalla sua voce giovane, decisa, intervallata dai suoni dei macchinari medici.

Vorrebbe abbracciarci uno per uno e ripartirà più forte di prima. E’ un atleta, ci ricorda.

Non lo so cosa ci sia dietro e dentro questo ragazzo ad animare uno spirito tanto forte e buono, come pare. Non so se c’entri la fede in Dio, fatto sta che si comporta come uno che è molto amato e che non ha intenzione di risparmiarsi.

Dio ti benedica caro Manuel e con te la tua famiglia.

Un’esperienza che non dimenticherò mai e capisco che mi trovo di fronte a una cosa più grande di me. Spero tanto per Manuel.

dice la sua fidanzata e ha ragione. Una cosa più grande di tutti ma sarà l’occasione perché la statura umana di questo ragazzo venga fuori per quello che si intuisce essere. Siamo tutti dei giganti e non lo sappiamo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.