Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi ama sta alla porta, aspetta il consenso dell’altro prima di entrare nella sua vita

UOMO, DONNA, PORTA
Shutterstock
Condividi

Nel nuovo rito del matrimonio c’è una forma del consenso, la seconda, che è molto bella anche se pochissimo scelta: “Vuoi unire la tua vita alla mia nel Signore che ci ha creati e redenti?”. Esprime bene la richiesta del permesso e del consenso dell’altro per poter iniziare il nuovo cammino di vita nel Signore che è il matrimonio sacramento.

di Padre Salvatore Franco

Ci fermiamo dinanzi alla porta di casa, sulla soglia. La porta è il confine oltre il quale entro nella vita intima dell’altro. Gesù parlando di sé dice che egli è come il buon pastore che ama e si prende cura delle pecore e per questo entra dalla porta, il ladro invece entra da un’altra parte. Gesù approfondisce questa similitudine paragonando egli stesso a quella porta. L’altro è come la porta che sto per aprire e attraversare. Per entrare devo passare da lui e non aggirarlo. Un’altra immagine ci viene dall’Apocalisse dove Gesù dice alla sposa che è la chiesa:

“Ecco sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me” (Ap 3,20).

È interessante notare in questo versetto che chi apre non lo fa perché ha sentito bussare ma perché ha riconosciuto la voce di chi bussa. Nasce così la gioia e la fiducia di poter aprire liberamente, senza costrizione. L’altro si fa riconoscere, fa capire  le proprie intenzioni nel modo in cui chiede di entrare.  Gesù chiede personalmente di entrare e aspetta il nostro assenso e permesso che nasce nel momento che lo riconosciamo. La comunione non ammette di aggirare l’altro come se fosse un muro da scavalcare ma lo considera come la porta a cui bussare per entrare e “cenare insieme”. Chi ama aspetta sempre il consenso dell’altro prima di entrare nella sua vita. Nel nuovo rito del matrimonio c’è una forma del consenso, la seconda, che è molto bella anche se pochissimo scelta: “Vuoi unire la tua vita alla mia nel Signore che ci ha creati e redenti?”. Questa forma esprime bene la richiesta del permesso e del consenso dell’altro per poter iniziare il nuovo cammino di vita nel Signore che è il matrimonio sacramento. Questa richiesta va fatta esplicitamente ed implicitamente tante volte nella vita di due sposi soprattutto quando si deve prendere qualche decisione o fare qualcosa di importante.

GOŚĆ W DOM
Shutterstock

Ogni volta in cui si rinnova questo consenso reciproco la vita che si svolgerà sarà una vita a due nella quale due persone, uniche nella loro inviolabile identità e intimità personale, scelgono nuovamente di vivere tenendo conto sempre dell’altro e in comunione con lui. La comunione non è infatti solo vivere o fare delle cose insieme ma anzitutto tenere conto dell’altro e di ciò che è come persona. C’è come un confine che va valicato con delicatezza e rispetto per l’altro. Pensiamo a Mosè a cui Dio , dal roveto ardente, chiede di togliersi i sandali perché quel luogo è sacro. Si tratta di porsi davanti al carattere sacro e della inviolabilità dell’intimità altrui. Quando Jaques Maritain trovò il diario spirituale della moglie Raissa, prese consapevolezza che ella aveva avuto una sua propria vita intima a lui nascosta e al tempo stesso, leggendo quelle pagine, non si trovò per nulla spaesato ritrovandovi tante cose che aveva intuito o che lei aveva condiviso in qualche modo con lui.

Tenere conto dell’altro vuol dire considerare anzitutto la sua individualità, i suoi bisogni, le sue aspirazioni,  il suo destino, rispettando lo spazio sacro e il mistero che è la sua coscienza e la sua intimità personale. L’amore quanto più è intimo e profondo tanto più esige il rispetto della libertà dell’altro e la capacità di attendere che apra la porta del suo cuore.

A “Permesso” possiamo allora aggiungere una parolina che ne deriva: “Che ne pensi?”: “Che ne pensi se faccio questo, se facciamo questo?”. Anche questo è chiedere permesso perché si chiede il consenso come persone “con-sorti”, che hanno scelto di condividere la medesima sorte, lo stesso destino, lo stesso fine.

Perché è spesso così difficile chiedere permesso una volta conquistata la confidenza familiare? Quando si vive tanto tempo insieme si può rischiare di non considerare tanto l’altro e si agisce prendendosi da sé dei permessi che sarebbe invece più giusto chiedere. Si entra così nella mentalità del tutto permesso e pian piano l’altro sparisce adombrato dal proprio bisogno e o desiderio. Occorre riapprendere il gusto della cortesia, della finezza e delicatezza dell’amore. Talvolta i bisogni o le idee che ci sono venute prendono così il sopravvento su di noi che l’altro diventa solo l’ostacolo da sormontare. Si è dimenticato di chiedere permesso perché si è dimenticato di considerare l’altro.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni