Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne

DONNA, LIBRO, JEANS
Shutterstock
Condividi

Sapete litigare? Avete scalato montagne? Vi è capitato di prendere un caffé con un filosofo famoso? Pensate mai a quanto è meraviglioso essere nati? Vi suggeriamo le letture giuste per vivere tutte queste avventure.

E alla fine, dormendo così poco e leggendo così tanto, il suo cervello si prosciugò e lui perse completamente la testa – Miguel De Cervantes

Don Chisciotte ha davvero perso la testa? O l’ha ritrovata? Non è una faccenda di poco conto. Sappiamo che questo cavaliere accompagnato dal fido Sancho viene giudicato folle, ma direi proprio matto, da chi lo incontra. L’eccessiva lettura lo ha portato fuori dalla realtà, a vedere giganti lì dove ci sono solidi e concretissimi mulini a vento.

Davvero? Il testo di Cervantes è un congegno pazzesco che ammette anche una riflessione verso cui propendo sempre più spesso, da quando siamo assediati dai fantasmi delle fake news. Una presunta dedizione alla verità e alla realtà ci sta portando verso l’abisso della menzogna: basta gridare “bufala!” per screditare qualcosa senza verifiche, senza la presa solida del vissuto. Cosa è vero e reale sta diventando sempre più manipolabile … ed è orribile. Pericoloso, addirittura. Noi siamo quelli a cui è stato fatto credere che è più logico pensare che in un campo ci siano dei mulini piuttosto che dei giganti. E’ più credile un’opera di edilizia che un mostro. Ma non è affatto detto che sia più vero.

Non è detto che la realtà ospiti solo cose credibili; davvero può ospitare cose incredibili a cui nessuno vorrebbe credere. Forse in un mondo di anestetizzati, Don Chisciotte era l’unico a cui il lavaggio del cervello non erano riusciti a farlo. La lettura lo aveva salvato dal realismo esasperato, donandogli l’arma dell’immaginazione che non è affatto l’opposto del concreto.

I nostri consigli di lettura sono tentativi di donarvi paia di occhi in più per vedere cosa c’è davvero nel campo di fronte a noi; talvolta bisogna essere coraggiosi al punto da gridare che i mostri sono qui e vanno combattuti, anche se attorno montano le risate e le derisioni di chi è stato plagiato e non vede altro che innocue pale che girano al vento.

Buona lettura!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni