Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

C’è una sola regola per diminuire lo stress: diventare estimatori di bellezza!

Condividi

Quando ti trovi in una situazione, occorre che sviluppi la disciplina mentale di cercare le cose positive e poggiarci sopra l’attenzione.

Diventare estimatori di bellezza
L’apprezzamento vuol dire capire la bellezza.
La bellezza vi salverà dice Dostoevskij, la verità è bellezza, la bellezza è verità, questo è il messaggio di Keats nel suo poema “Ode su un’urna greca”.
Questo è il messaggio di Victor Frankl che cerca la bellezza dappertutto. La bellezza non ha nulla a che fare con la sopravvivenza, il nostro amore per la bellezza è la prova ulteriore che non siamo ammassi casuali di atomi che sopravvivono grazie alle leggi spiegate da Darwin.

ENCHINACEA
Gib3102 | Flickr CC by NC 2.0

La bellezza è in un fiore, non commestibile, non aumenta in nulla la sopravvivenza, la bellezza del tramonto non aumenta la mia sopravvivenza; il fatto che io sia in grado di capire la bellezza del cielo stellato non aumenta la mia sopravvivenza.
E’ la bellezza uno dei legami, una delle lingue di Dio.

pixabay

C’è una sola regola che menziono sempre per diminuire lo stress: diventare un estimatore al posto di un disprezzatore.
Si passa cioè  dall’apprezzamento. (si intende: per poter diminuire lo stress si passa per la dinamica dell’apprezzamento, ndr))
Quando mi trovo in una situazione, occorre che sviluppi la disciplina mentale di trovare le cose positive e poggiarci sopra l’attenzione.
Ci sono alcune cose che sono sempre presenti, per esempio, la libertà della mia mente; anche se sono in una situazione gravissima, posso sempre portarla altrove.
O Altrove, un altrove che comincia con la maiuscola.

I laici hanno il problema di evitare il dolore. Onestamente non sempre è possibile. I credenti hanno il compito di evitare il peccato. E’ sempre possibile.
Una battaglia che può essere sempre vinta.
La libertà assoluta, quella del pensiero, sopravvive anche in fondo alla più fetida delle celle.
Nessuno può più essere talmente miserabile da non poter avere una morte degna.
Quando tutto è stato perso possiamo sempre tenere l’attenzione sulla libertà della nostra anima e sulla sua bellezza.
Il cielo si riempirà di stelle al nostro passaggio.

ELQUI VALLEY
Shutterstock-Jess Kraft

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni