Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore ferito, si è svegliato. “Mamma fatti coraggio!”

MANUEL BORTUZZO
Condividi

Ha saputo che resterà paralizzato dal bacino in giù. E’ un ragazzo forte e farà di tutto per rialzarsi, dice il papà Franco che gli ha anche chiesto scusa per averlo incoraggiato ad andare a Roma. Moltissime le testimonianze di affetto e vicinanza.

Il contegno della famiglia: il papà è soprattutto felice che suo figlio sia vivo

In tutto questo colpisce la compostezza del papà di Manuel, la lucidità e la gratitudine che dichiara all’Italia intera che si fa sentire vicina alla sua famiglia. Manuel, che ha altri tre fratelli, è un figlio d’Italia, dirà a Mattino 5 da Federica Panicucci. Si scuserà anche per una impercettibile agitazione che turba il suo contegno mentre per noi tutti quel che salta all’occhio è la sua dignità che non è per nulla freddezza. E’ concentrato su suo figlio, sulla sua vita, su quel che c’è da fare ora. Non mi interessa dormire, mangiare, non importa nulla quel che c’è da fare si fa.

Andremo anche ad Honolulu se sarà necessario.

Alla mamma Manuel, che si è risvegliato solo ieri, ha detto di farsi coraggio e poi subito a parlare delle sfide che li aspettano. Che forza singolare che stanno mostrando, eppure naturale, vera, tipica di una famiglia salda.

Con tutto il cuore auguriamo a Manuel e alla sua famiglia di trovare cure adeguate e anche rivoluzionarie e di restare saldi nell’unità e nell’amore che traspare dalle loro vite e dalle loro parole. Preghiamo anche che la giustizia umana faccia il proprio corso senza incidenti, che i due, se saranno trovati colpevoli, possano pagare in modo proporzionato e, se Dio vorrà, convertirsi sinceramente.

Confido anche che la famiglia di Manuel e Manuel stesso trovino conforto nella quotidianità ardua che si apre davanti a loro e che la solidarietà espressa loro in questi giorni sia l’inizio di un fuoco duraturo e non una fuggevole vampata emotiva.

Leggi anche: Un dolore grande nel cuore e la sola risposta possibile: “Stai vicina a Gesù”

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.