Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Posso aiutare gli altri se non sto bene?

JAK RADZIĆ SOBIE Z LĘKIEM
Jose A. Thompson/Unsplash | CC0
Condividi

Si può accompagnare il dolore altrui mentre il nostro cuore soffre nel profondo

La Chiesa è composta da uomini fragili, feriti e peccatori. Molti si scandalizzano della Chiesa constatandone i peccati. Vedono la sua povertà e si allontanano pieni di vergogna. E hanno ragione.

Perché il cristiano si vergogna delle sue incoerenze, e vedere il corpo di Cristo così ferito scandalizza i cuori innocenti. Costa accettare la debolezza del corpo di Gesù. Costa guardare la sua carne malata con la pace nel cuore.

A volte preferisco estirpare ciò che è putrido perché non infetti tutto il corpo. Lo faccio nella mia vita. Ma anche così dubito di una santità esente da ogni colpa.

Rimango deluso aspettandomi più di quello che vedo e scontrandomi in continuazione con la fragilità umana. Con la debolezza della Chiesa.

Forse desidero una perfezione che non possiede nessuno, neanch’io. Non mi adatto alla realtà com’è. Mi ribello contro il peccato e l’impurità che vedo in me e negli altri.

Sogno una perfezione che non esiste nella carne umana. Solo in Cristo che non ha avuto peccati. Ma poi vedo l’impurità, l’indecenza, l’incoerenza, la debolezza, e mi fa male l’anima.

So che devo curare me stesso prima di voler curare gli altri: “Certamente voi mi citerete questo proverbio: ‘Medico, cura te stesso’”.

Sono consapevole del mio peccato. So che voglio curare altri mentre vedo in me la ferita, il dolore, la fragilità, la malattia. E sento nell’anima “Medico, cura te stesso”.

Cerco di curare le mie ferite. Una a una. So quali sono. Mi è chiaro che curo partendo dalla mia ferita aperta. Dal mio dolore manifesto.

Non posso aspettare di stare bene per poter essere di aiuto a qualcuno. Non succederà mai.

Non sarò mai in condizioni perfette. Non avrò mai una vita senza macchia né peccato. La mia pelle non sarà mai esente da rughe e cicatrici.

Sono in grado di accompagnare il dolore degli altri mentre il mio cuore soffre nel profondo. Posso alleviare il peso di molti cuori mentre il mio è ancora gravato.

Pagine: 1 2

Tags:
aiuto
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni