Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perde il marito, saluta i figli e diventa suora trasferendosi in un’isola sperduta della Grecia

Trip Advisor
Suor Irini durante una visita guidata
Condividi

Suor Irini è una monaca eremita cristiano ortodossa, che ha deciso di rivoluzionare la sua vita: ha ristrutturato un monastero ad Amorgos e vive sola lì. "Ma con me c'è Dio"

Amorgos è l’isola più orientale dell’arcipelago delle Cicladi, In questa isola dove spiagge cristalline si alternano a colline aspre e solitarie solcate da greggi di capre, c’è un luogo di profonda spiritualità. Si trova a circa 5 km dal capoluogo Chora, in direzione sud: è il piccolo monastero di Agios Georgios Valsamitis.

Il nome, da cui deriva il nostro aggettivo balsamico, proviene da varsamos, la menta. Ci si arriva attraverso una stradina asfaltata ed è aperto dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 19.

San Giorgio e i lebbrosi

La leggenda – scrive il blog di viaggi ilpinguinoviaggiatore.it – dice che, tra le piantine di menta, venne trovata l’icona di San Giorgio cui venne dedicata la chiesa. E che, ancor prima, dei lebbrosi scappati da una nave di pirati, trovarono rifugio qua dove c’era, tra la menta, una sorgente. Dopo un po’ di tempo, la lebbra scomparve. La chiesa è del 16esimo secolo, costruita su una ancora più vecchia, del nono secolo.

Trip Advisor
Il monastero

Il ritorno ad Amorgos

In questo monastero abita l’unica suora dell’isola (che conta meno di 2000 abitanti e si affolla solo con il turismo d’estate).   

Arrivò qui, per la prima volta, trentacinque anni fa, nel 1984, come turista. Con lei il marito e due figli piccoli. Venticinque anni dopo, deceduto il marito e divenuti grandi i figli, vi tornò da sola, alla ricerca di un monastero decadente e abbandonato che la prima volta le era entrato nel cuore. Entratovi, lo trovò com’era. E decise di non uscirvi mai più. Era il 2011.

La ristrutturazione

Così Irina divenne suor Irini, monaca ortodossa che giorno dopo giorno, sola su quest’isola di sole e vento a metà strada fra Atene e Smirne, ha fatte nuove le pietre antiche, ristrutturato mura, pavimenti, icone e affreschi per vivere il sogno coltivato a lungo e in segreto «solo a solo» con Dio, la solitudine abitata, la fuga mundi per ritrovare sé stessa e un personale equilibrio col tutto (La Repubblica, 5 febbraio).

“Ho dovuto divorziare da tutti”

Avvolta in un lungo abito nero, dice al Catholic Herald (5 febbraio) che l’ha raggiunta in questa landa fantastica e sperduta, che lei oggi è semplicemente «suor Irini, perché i cognomi non esistono per chi è monaca». E ancora: «Ho dovuto divorziare da me stessa e dai miei fratelli e sorelle. Ho dovuto aspettare che i miei figli fossero indipendenti».

Trip Advisor

Giardinaggio, pregherà e…guida turistica

Come è oggi la giornata della religiosa? Trascorre le sue giornate facendo giardinaggio, dipingendo e pregando, ma accoglie sempre chi va a visitarla. Come nella tradizione degli eremiti ortodossi, infatti, il silenzio è sempre interrotto se qualcuno bussa.

«Ogni sabato i sacerdoti vengono a trovarmi, parliamo. È una delle mie cose preferite», dice. I sacerdoti greco-ortodossi risiedono nel più famoso monastero dell’isola, Hozoviotissa. Ma a lei sta bene così. Vive con poco e ripete a tutti: «Tutto, amo tutto».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni