Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: nella Chiesa nuove tentazioni di confusione e disfattismo

KOLACJA PAPIEŻA FRANCISZKA Z MŁODYMI

Panama 2019/Flickr

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/02/19

Trent'anni dopo Bergoglio si sente in dovere di riproporre le sue "Lettere della tribolazione". E avverte: siamo in Guerra contro il diavolo, rispondere con il discernimento

Trent’anni fa Papa Francesco sottopose al teologo gesuita padre Miguel Ángel Fiorito la bozza della prefazione che aveva scritto per la prima edizione delle “Lettere della tribolazione“.

Il teologo gli disse di approfondire il punto in cui Bergoglio rilevava l’importanza del «fare ricorso all’accusa di se stessi nei momenti di grande difficoltà». 

Vergogna contro Misericordia

«In quel punto – scrive Bergoglio nella nuova edizione di “Lettere della Tribolazione” pubblicata a gennaio 2019 da Ancora Editrice – si trattava del discernimento e di come affrontare bene la vergogna e la confusione che si fanno spazio quando il Maligno scatena una feroce persecuzione contro i figli della Chiesa. La risposta – sottolinea il Papa – era quella di opporgli la sana vergogna e la confusione che l’infinita Misericordia del Signore e la sua Lealtà fanno provare a chi chiede perdono per i propri peccati. “Là c’è una grazia”, mi disse. “La sviluppi!”».




Leggi anche:
Quando ci sono polemiche e turbamenti? Fare discernimento e chiedere scusa

La missione di “sviluppare una grazia”

Trent’anni dopo siamo in un altro contesto, evidenzia Bergoglio nella nuova prefazione, «ma la Guerra è la stessa e appartiene soltanto al Signore. Queste Lettere sono “un trattato di discernimento in epoca di confusione e tribolazione“, e la loro riedizione mi richiama con forza (…) a continuare ad assolvere quell’incarico che mi è stato dato dal Maestro – che adesso ha per me il sapore della profezia dell’anziano – di “sviluppare una grazia”.

Non arrendersi al vittimismo

KOLACJA PAPIEŻA FRANCISZKA Z MŁODYMI
Panama 2019/Flickr

Papa Francesco avverte, oggi, che «il Signore mi chiede di condividere di nuovo le “Lettere della tribolazione“. Di condividerle con tutti coloro che – in mezzo alla confusione che il padre della menzogna sa seminare nelle sue persecuzioni – si sentono decisi a combattere bene, liberi da quel vittimismo a cui siamo tentati di arrenderci. Esso, come sappiamo, nasconde in seno la molla della vendetta, e non fa altro se non alimentare quel male che vorrebbe eliminare».




Leggi anche:
Come dobbiamo invocare Dio nei momenti di tribolazione?

Consolazione nella desolazione

Allora, conclude il Papa, «contro qualsiasi tentazione di confusione e di disfattismo fa bene tornare a sentire lo spirito paterno di coloro che ci hanno preceduto e che anima queste Lettere». Che «ci insegnano a scegliere la consolazione nei momenti di maggiore desolazione».

Nelle Lettere, Bergoglio sentenziava: «Davanti alla gravità di quei tempi, all’ambiguità delle situazioni che si erano create, il gesuita doveva discernere, doveva ricomporsi nella sua appartenenza (..) Doveva “cercare per trovare” la Volontà di Dio, e non “cercare per avere” una via d’uscita che lo lasciasse tranquillo».

Il segno di aver fatto un buon discernimento, concludeva Bergoglio, il gesuita «l’avrebbe avuto dalla pace (dono di Dio), e non dall’apparente tranquillità di un equilibrio umano o di una scelta in favore di uno degli elementi in contrapposizione».


pope francis wim wenders

Leggi anche:
“Tribolazione” e “accanimento”: ecco perché il Papa ha deciso di non rispondere a chi lo accusa

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni