Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’emozione, da musulmano, di vedere il Papa nel Golfo

PAPA IMAM EMIRATI ARABI
Vincenzo PINTO / AFP
Condividi

Il giusto atteggiamento, ha detto Francesco, "non è né l'uniformità forzata, né il sincretismo conciliante: quel che siamo chiamati a fare, da credenti, è impegnarci per la pari dignità di tutti"

di Brahim Maarad 

Speranza. E’ questo ciò che, da musulmano cresciuto in Occidente, mi trasmette la visita di Papa Francesco nel Penisola Arabica. La prima di un pontefice. La speranza che nasce dal gesto di un Uomo di Dio, “venuto dall’altra parte del mondo”, che si presenta a bordo di un’utilitaria per porgere la mano a un’altra fede.

La speranza mostrata dai musulmani, guidati dal Grande imam dell’Azhar, che lo accolgono con gli onori dovuti e meritati, in mezzo a un deserto trasformato in paradiso. Con la coscienza di essere diversi, ma fratelli. La fratellanza che esprime – ha spiegato Francesco nel suo discorso ad Abu Dhabi – “anche la molteplicità e la differenza che esistono tra i fratelli, pur legati per nascita e aventi la stessa natura e la stessa dignità”.

E il giusto atteggiamento “non è né l’uniformità forzata, né il sincretismo conciliante: quel che siamo chiamati a fare, da credenti, è impegnarci per la pari dignità di tutti, in nome del Misericordioso che ci ha creati e nel cui nome va cercata la composizione dei contrasti e la fraternità nella diversità”. Il Papa ha citato il Misericordioso, uno dei nomi di Allah più ricorrenti, che apre ogni versetto del Corano.

In un’epoca in cui sembra molto più facile e immediato chiudersi in se stessi, allontanare gli altri, arroccarsi nelle proprie convinzioni, i gesti e le parole a cui il mondo sta assistendo sono da considerarsi una felice rivoluzione.

Sarebbe oltremodo utopico non fare i conti con la realtà: dalle guerre, ai diritti umani soffocati in troppi angoli del mondo, agli estremismi dilaganti. Ma da qualche parte bisogna pur cominciare. “La guerra non sa creare altro che miseria, le armi nient’altro che morte”, ha affermato il Pontefice. “Sono qui per la pace”, aveva esordito.

E della guerra ha parlato anche il grande Imam dell’Azhar, Ahmad al Tayyib, che ha definito Francesco “un caro amico”, ricordando di essere parte di quella che si può considerare la “generazione della guerra”. Nata tra i racconti della seconda guerra mondiale e che ha visto e vissuto un conflitto dopo l’altro. Buona parte giustificati con la religione eppure, citando i testi sacri, nessun Dio chiama alla guerra.

“Qui, in pochi anni, con lungimiranza e saggezza, il deserto è stato trasformato in un luogo prospero e ospitale; il deserto è diventato, da ostacolo impervio e inaccessibile, luogo di incontro tra culture e religioni”, ha detto il Papa.

La mia convinzione è che, con “lungimiranza e saggezza”, si possa fare rifiorire il deserto di valori di cui ci siamo circondati. Seguendo l’esempio che ci è stato tracciato da Francesco e al Tayyib: andare dall’altra parte del mondo per incontrare un “fratello diverso”.

Qui l’articolo pubblicato dall’agenzia “Agi”

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.