Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il lavoro (nascosto) dell’artigiano: svelato da Koiné!

Condividi

Nuove opportunità di lavoro e di valorizzazione della bellezza con l’arte sacra

Punta tutto sui giovani la trentesima edizione di Koinè che si svolgerà a Vicenza dal 16 al 18 febbraio. La rassegna 2019 offrirà infatti concrete opportunità di lavoro, grazie alla presenza di committenti provenienti da tutto il mondo, che durante la fiera valuteranno i progetti di artisti e artigiani del sacro con l’obiettivo di avviare nuove collaborazioni.

L’eccellenza degli artigiani italiani…nel mondo!

La manifestazione organizzata da Italian Exhibition Group ospiterà la principale piattaforma europea di artigianato sacro e arredo liturgico. Un settore in cui la raffinata tradizione italiana è chiamata ad andare di pari passo con il rinnovamento degli stili.
È il compito affidato ai giovani della Scuola d’arte sacra di Firenze con la quale Koinè ha avviato un’attiva collaborazione. Come già è avvenuto nell’edizione 2017 e a Hieros, la proposta per il centro-sud tenutasi nello scorso settembre a Napoli, la scuola di Firenze avrà un suo spazio dedicato all’interno della fiera per avvicinare i visitatori al progetto che conta tra i soci fondatori l‘Opera del Duomo di Firenze e la Camera di Commercio del capoluogo toscano. La Scuola offre un programma formativo composto da un corso di artigianato artistico sacro (titolo riconosciuto dalla Regione Toscana) e da tre corsi di specializzazione in pittura, scultura e oreficeria sacra della durata di due anni. Punto di forza è la collaborazione con le botteghe artigiane e con alcuni studi artistici della città.

Leggi anche: Koinè: l’arte sacra a Vicenza!

A spiegare le caratteristiche della scuola, le sue eccellenze e dunque le opportunità che porta con sé, il direttore Giorgio Fozzati: «La Scuola di Arte Sacra di Firenze radicata sul territorio e di respiro internazionale opera con l’obiettivo di promuovere la creatività nell’arte e nell’artigianato artistico. L’offerta formativa che valorizza l’arte sacra nei suoi vari aspetti, non è dedicata solo all’acquisizione delle competenze tecniche e alla globale formazione artistica, ma prevede anche approfondimenti negli ambiti teologici e liturgici». L’età minima con cui ci si può iscrivere alla Scuola d’Arte Sacra di Firenze è 18 anni, dopo la scuola superiore. Prevalentemente gli studenti provengono da licei artistici e accademie, ma non mancano studenti provenienti da studi filosofici o altri corsi.
Il settore apre concrete opportunità di lavoro. «L’80% dei diplomati nella nostra Scuola – spiega ancora Fozzati – trova un’occupazione. Alcuni vengono reclutati dalle accademie d’arte per insegnare o svolgere dei lavori su commissione di aziende o botteghe. Altri studenti, abituati a lavorare insieme e condividere i successi tra loro, decidono di mettersi in proprio, aprendo delle botteghe d’arte insieme a qualche compagno di corso. I più bravi e promettenti, visto che li formiamo con cura, li teniamo con noi a Scuola ed entrano a far parte del corpo docenti».

In particolare: «La pittura trova molti sbocchi nell’arte sacra, considerando che ha un mercato molto vasto ed esigente che è quello del clero. Lo stesso vale per la scultura, anche se qui pesano i fattori dei materiali necessari e dei tempi di realizzazione che si allungano notevolmente rispetto ad altre forme artistiche. Per quanto riguarda l’oreficeria, si tratta di un settore in cui c’è molta concorrenza e gli artisti devono essere bravi nel creare pezzi unici per fare la differenza».

Leggi anche: A Koiné 2019 il raduno dei “sagrestani”

Una vetrina e una opportunità di lavoro

La tre giorni di Koinè, ospitata nel Polo fieristico di Vicenza diventa così la vetrina di un progetto innovativo come è nella sua natura. Da sempre, infatti, l’imperdibile appunto commerciale per aziende produttrici, artigiani, artisti, aziende di servizi si coniuga alla proposta formativa per gli operatori del settore e al confronto tra scuole artigiane all’interno dello spazio di “Koinè ricerca” realizzato in collaborazione con la Conferenza episcopale italiana e la Diocesi di Vicenza.
Con l’apporto della Scuola di Arte Sacra di Firenze, IUL Università Telematica degli Studi di Firenze e il Centro Produttività Veneto e Scuola d’Arte e Mestieri, gli appuntamenti di “I giovani e l’arte sacra” in programma:
Nuove narrazioni, nuove esplorazioni (sabato 16 febbraio, Education Arena, dedicato ai docenti)
A. A. Artigiani cercasi (domenica 17 febbraio, Education Arena, dedicato agli studenti)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni