Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando la Vergine Maria scrisse una lettera a Sant’Ignazio di Antiochia

Condividi

Secondo la tradizione, il discepolo di San Giovanni Apostolo ricevette una lettera dalla Beata Madre

La Vergine Maria ha scritto qualche lettera? Se non ci sono prove che lo abbia fatto, una tradizione afferma che Sant’Ignazio di Antiochia scrisse alla Beata Madre, che gli rispose.

Sant’Ignazio nacque in Siria verso il 35 d.C., e si ritiene che sia stato discepolo di San Giovanni Apostolo. Alla fine venne ordinato vescovo di Antiochia e divenne un membro di spicco della Chiesa cristiana delle origini.

Non si conosce la data dell’Assunzione in Cielo della Beata Madre, ma gli studiosi affermano che possa essere avvenuta tra il 44 e il 55. Ignazio era molto probabilmente vivo prima che la Vergine Maria lasciasse questa terra, ed è possibile che le abbia scritto una lettera. Se era discepolo di San Giovanni (l’apostolo che accolse la Beata Madre in casa sua), aveva sicuramente un modo per recapitarle il suo messaggio. Potrebbe aver anche incontrato Maria durante la sua vita.

Ad ogni modo, il documento medievale intitolato Legenda Aurea riferisce questo scambio tra i due. Sarebbe stato Sant’Ignazio a scrivere per primo alla Beata Madre:

A Maria, che ha portato Cristo, dal suo Ignazio. Ti prego di rafforzare e consolare me, neofita e discepolo del tuo Giovanni, da cui ho imparato tante cose sul tuo Gesù, cose straordinarie da riferire, ascoltando le quali resto senza parole. Il desiderio del mio cuore è ricevere conferma su queste cose che ho sentito da te che sei sempre stata tanto intimamente vicina a Gesù e hai condiviso i suoi segreti. Ti saluto, e fa’ che i neofiti che sono con me possano essere rafforzati nella fede da te, attraverso di te e in te.

La Beata Madre gli avrebbe risposto.

Al mio amato condiscepolo Ignazio da questa umile ancella di Cristo Gesù. Le cose che hai ascoltato e imparato da Giovanni sono vere. Credici, aggrappati ad esse, resta saldo nel tuo impegno cristiano e modella la tua vita e la tua condotta in base ad esso. Verrò con Giovanni a trovare te e quanti sono con te. Resta saldo e agisci coraggiosamente in base alla tua fede. Non permettere che le difficoltà della persecuzione ti scuotano, e possa il tuo spirito essere forte e gioioso in Dio, tua salvezza.
Amen.

Non si conosce l’origine di queste “lettere”; si sa solo che la storia è stata trasmessa nel corso dei secoli.

Indipendentemente dalla loro veridicità, le lettere offrono lo spunto per una meditazione interessante. Possiamo immaginare noi stessi nel I secolo e chiederci se avremmo mai scritto una lettera a Maria, Madre di Dio. Nella Chiesa delle origini la Vergine era ben nota ed era una fonte di consolazione a cui molti facevano ricorso, desiderosa e disponibile ad aiutare tutti ad amare suo Figlio.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.