Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Per i medici è clinicamente morto. Ma lui si risveglia: “Ho visto la croce di Cristo”

Youtube
Condividi

Parla l'uomo della provincia di Avellino di cui si stavano organizzando estrema unzione e funerale: "Se sono vivo, è grazie alla mia fede". I familiari sostengono che sia stato un miracolo di Padre Pio

Avevano pensato tutti che fosse morto, stavano già preparando il funerale. Invece lui improvvisamente si risveglia. E accaduto ad un uomo Montecalvo Irpino, piccolo comune dell’Irpinia, dove ora si grida al miracolo. Mario Lo Conte, 74 anni, pensionato, è il protagonista di questa storia (Il Messaggero, 1 febbraio).

L’uomo, intervistato dall’emittente televisiva campana Otto Channel, ha spiegato di aver visto «la croce di Cristo davanti ai miei occhi». Poi un vuoto. La corsa all’ospedale di Ariano Irpino in seguito al malore che gli aveva fatto perdere conoscenza.

I medici: non c’è nulla da fare

Prima della sua morte apparente il paziente versava in condizioni gravissime al punto che per i medici non vi era più nulla da fare. La rianimazione non era andata a buon fine e i familiari erano stati autorizzati persino a riportare a casa il loro caro, per farlo morire in famiglia. Era inoltre già stato contattato il prete per l’estrema unzione e per preparare il funerale.

Ma quando tutto sembrava ormai volgere al peggio, il 74enne ha aperto gli occhi all’improvviso. «Sto bene, sono vivo per miracolo», ha detto agli increduli presenti.

“Una grazia di Dio”

Dal letto d’ospedale dove si trova è stato trasferito per accertamenti, la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, ha ammesso: «Credo, e non voglio essere presuntuoso, che Dio mi abbia fatto la grazia. Se è Lui che ha voluto per me queste sofferenze, io le accolgo» (Il Sussidiario, 2 febbraio).

«Mi stanno chiamando in tanti per chiedermi come sto – ha aggiunto ancora Mario – Ma io non ricordo più nulla. So solo che è stata la fede ad avermi salvato».

Le preghiere a Padre Pio

Chi è stato accanto a lui nei momenti più drammatici, quelli del coma, della morte apparente, del dramma umano, sostiene che in questa storia c’entri Padre Pio. Perché è un santo a cui l’uomo è devoto e a cui si sono rivolte le preghiere dei familiari e dei conoscenti, affinché miracolosamente gli salvasse la vita.

Miracolo o meno, la notizia ha catalizzando l’attenzione di trasmissioni televisive e della stampa nazionale. Adesso l’attesa è sull’esito degli esami medici che aiuteranno a stabilire o quanto meno a ricostruire, quello che è accaduto a Mario.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni