Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Volo si racconta: ecco per noi cosa rappresentano la fede e Papa Francesco

Youtube/Avvenire
Condividi

Dall'ex chierichetto Piero agli incontri con Dio di Gianluca, sino alle emozioni di Ignazio alla Gmg di Panama durante l'Ave Maria

«Alla nostra età abbiamo realizzato il nostro sogno più grande: cantare per il Papa». I tre cantanti de “Il Volo”, Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, sono appena arrivati a Milano da Panama, dove hanno cantato l’Ave Maria, Mater Misericordiae, scritta per papa Francesco alla presenza del Pontefice e di 450mila giovani presenti nel Campo San Juan Pablo II, durante la Veglia della XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù.

E sono ancora emozionati, ancor più di calcare la settimana prossima il palco del Festival di Sanremo (5-9 febbraio), già vinto nel 2015, in gara con il nuovo brano “Musica che resta“. In quell’occasione il trio festeggerà anche i dieci anni di carriera musicale.

“Ad un metro dal Papa…”

«Cantare a un metro dal Papa significa gestire le emozioni fortissime che ci hanno dato sia lui sia le centinaia di migliaia di giovani che pregavano insieme a noi. Porre al cospetto di Dio la nostra arte è stato toccante» raccontano i tre giovani tenori in un’intervista ad Avvenire (2 febbraio).

Tre visioni differenti della fede

Poi ognuno spiega il suo rapporto con la fede. «Sono credente ma non praticante – afferma Ignazio – e vedere tutti quei ragazzi miei coetanei a Panama, così emozionati nel pregare, nel vedere il Papa che parlava, spiegava, e immetteva tra una preghiera e l’altra discorsi legati alle reti sociali, ai social, è stato davvero toccante. C’è stata un’energia davvero particolare».

Aggiunge Piero: «Sono molto credente e praticante. Quando posso vado a messa. Per me è stato un momento molto particolare: da piccolo facevo il chierichetto e molte altre cose. Quindi cantare davanti al Papa… c’è voluto tempo per metabolizzare».

Gianluca, invece, ha una visione della fede ancora diversa rispetto agli altri due componenti de IL Volo: «Per me Dio si può manifestare in tante piccole e grandi cose, come l’innamoramento, l’amore per la famiglia, il sorriso di un nonno: quello per me è Dio».

Tags:
il volo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni