Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ogni giorno Mamma Margherita insegnò a Don Bosco a stare al passo di Dio

MARGHERITA, OCCHIENA, DON BOSCO
Wikipedia
Condividi

Preparare un piatto di minestra per il povero Cecco, riconoscere un santo tra i bimbi dell’oratorio, lodare Dio per le stelle del cielo, lasciare che il figlio fosse tutto per Dio. Così Margherita Occhiena nutrì di santità il figlio Giovanni.

La sera è il momento in cui dovrei tirare i remi in barca e piantarla di pensare, mettere il cuore in pace tuffandomi nell’abbraccio della preghiera. Invece non riesco mai a schivare un forte contraccolpo di paura, al buio prima di addormentarmi mi assale il terrore che accada qualcosa di brutto ai miei figli. E’ l’ultimo rigurgito di egoismo della giornata: non è apprensione, è la mia voce imperiale che vuole – anche attraverso la paura – sentirsi padrona di tutto, delle piccole persone che le sono affidate.

Leggi anche: Santa Gianna Beretta Molla: «Ogni vocazione è vocazione alla maternità»

Oggi è la festa di Don Bosco. A lui chiedo spesso di tenere una mano sulla mia spalla di madre; posso bussare anche alla porta di sua madre. Margherita Occhiena, o semplicemente mamma Margherita. Il fulgore del Santo di Torino fu nutrito dalla luce materna di una donna illetterata e grande lavoratrice, un cuore robusto innamorato di Dio e della Madonna. Lei fu la colonna dietro la vocazione e l’opera immensa di suo figlio Giovanni. Fu dichiarata venerabile nel 2006 da Benedetto XVI.

Me la immagino come mia nonna, mani ruvide per il tanto lavoro, ma dolcissime quando devono accarezzare. Sbirciare nella sua vita, raccontarne alcuni aneddoti esemplari può essere una preghiera, una richiesta di compagnia celeste. Possa mamma Margherita darci delle benedette ispirazioni e guidarci … mentre quaggiù molto coopta a ridurre la nostra maternità a una “soddisfazione da togliersi a una certa età” o al puro e semplice disbrigo di faccende che si aggiunge al lavoro.

Leggi anche: «Toglimi tutto, ma dammi le anime» così Federica e Marco hanno cresciuto 5 figli e costruito una scuola libera

A lei chiedo: qual è la nostra carta d’identità di mamme?

Nel passo un destino

 La mia passeggiata per oggi l’ho fatta, sono stata a Messa.

Rispose così, da ragazzina, Margherita Occhiena a un gruppo di amiche che volevano convincerla a giocare per le strade del paese. Brusca e diretta, già con le idee chiare. Cammina l’uomo quando sa bene dove andare e il destino scrisse per questa giovane piemontese una storia su cui lei camminò sicura, senza cedimenti di fede e con molta solerzia personale nello stare in mezzo a circostanze ostinatamente dure. Il suo sguardo ne fece occasioni di crescita nella forza della speranza cristiana.

Leggi anche: La venerabile Montse Grases: 18 anni di santa normalità

Sposò un uomo rimasto vedovo, da cui ebbe due figli, Giuseppe e Giovanni. Lo perse presto come compagno di vita, rimase vedova a soli 29 anni e si trovò ad affrontare da sola la conduzione della famiglia in un momento di grande carestia. Seminò bene nei campi e nei cuori dei figli. Messa al comando della casa non per sua volontà, dettava il passo a chi la seguiva … rimanendo lei al passo di Dio che non porta mai fuori strada, anche quando porta dove non sai e non vorresti.

WOMAN STREET
© Elena Dijour I Shutterstock

Quando l’opera di Don Bosco prese corpo, allora mamma Margherita si mise al passo del figlio e lo seguì. Racconta proprio lui:

“Mamma, voi avete visto quanto mi vogliono bene i ragazzi dell’Oratorio, e quanto sono miseri. Non verreste a fare da mamma ai miei poveri ragazzi?”.
Don Bosco, nelle sue Memorie, a questo punto scrive poche parole: “Ella capì la forza delle mie parole e mi disse: – Se Dio vuole, andiamo”.

Leggere i segni e i cuori

Margherita Occhiena non aveva avuto la possibilità di imparare a leggere e scrivere, parlava solo in lingua piemontese. Eppure aveva una capacità a noi ormai sconosciuta, quella di leggere la realtà con la sapienza del cuore. C’è uno sguardo passivo che non si cura di ciò che ha sotto gli occhi e c’è invece una coscienza sempre all’erta in chi guarda ogni frammento di vita come fosse il suo tesoro.

In una casa dei Becchi abita Cecco. Era stato ricco, ma aveva sprecato tutto. Ed è finito in quella miseria totale in cui è difficile salvare persino la propria dignità. Si vergogna di chiedere l’elemosina, e sovente patisce la fame. Margherita, quando è notte, lascia sul davanzale un pentolino di minestra calda. Cecco viene a prendersela, camminando nel buio. (di Teresio Bosco)

Clarita

Si è protagonisti del proprio tempo e del mondo, accorgendosi del bisogno a cui possiamo rispondere. Non visti – cioè senza metterci in mostra – possiamo essere l’aiuto di chi a sua volta non è visto da nessuno (ignorato o recluso in un suo isolamento).

Altri segni seppe leggere Margherita. Quando il giovane Giovanni fece il famoso sogno che preannunciava la sua vocazione, sua madre fu la prima a non deridere quel messaggio notturno e intuì che Dio chiamava suo figlio a diventare prete.

Leggi anche: Beato Michele Rua, o della gioia di guardare i figli con occhi altrui

Dio ha contato tutti i capelli del nostro capo, non gli è nascosto il nostro grido quando nessuno lo sente. Non di meno un briciolo della potenza del suo sguardo, che tiene insieme i capelli della testa e i recessi del cuore, lo dona a certi angeli in terra. Per quanto non sia un episodio clamoroso, mi commuove pensare che Margherita Occhiena sia stata tra le prime ad accorgersi di un piccolo santo che abitava l’oratorio di Don Bosco, Domenico Savio:

“Tu hai tanti giovani buoni, ma nessuno supera la bellezza del cuore e dell’animo di Domenico Savio”. Don Bosco le chiede il perché, e lei: “Interrompe i giochi per venire a trovare Gesù nel tabernacolo. Sta in chiesa come un angelo”. (Ibid)

Un realismo spirituale

Quante foto di tramonti, albe, fiori mettiamo su Instagram? La bellezza ci attira, ma non sappiamo darle più un nome … ci sbizzarriamo con gli hashtag.

Leggi anche: Carlotta Bertelli: tendere agguati alla bellezza che si svela

Non c’è cosa più decisiva che saper dare un senso alle cose, dando loro il nome giusto. Cioè ricordando Chi le ha fatte.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.