Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il lama del prete: ovvero una pastorale alla san Francesco d’Assisi

Père Ronan Graziana
Le lama Sabachthani.
Condividi

Ha fatto sorridere tutta la Francia, col suo lama Sabachtani. Padre Ronan Graziana, parroco in Bretagna, ha qualcosa come 200 animali. «Gli animali sono per noi un mezzo di accedere alla trascendenza», dice ad Aleteia.

La sua storia fa il giro del web in qualche ora. Un ottico di Hennebont, nel Morbihan, ha avuto la sorpresa di scoprire la presenza di un lama nel suo negozio il 18 gennaio scorso. Mezz’ora più tardi, il lama è stato recuperato dal legittimo proprietario… il quale non è altri che padre Ronan Graziana, parroco del decanato di Hennebont, che raggruppa otto parrocchie.

Tra 150 e 200 animali

Prima avevo delle capre, che sono molto buone per tenere in ordine l’erba ma che fanno un baccano infernale! Il lama ha il vantaggio di essere una buona tosatrice che non fa chiasso.

Così ad Aleteia padre Ronan Graziana: «E poi è una bestia simpatica e affettuosa».

Soprannominato “Sabachtani” – per il gioco di parole su “lama sabachtani” [“perché mi hai abbandonato?”, verso del salmo 22 in ebraico, N.d.R.] – il lama è lungi dall’essere il solo animale di padre Ronan. Il quale spiega nel dettaglio:

In totale ho tra 150 e 200 animali, essenzialmente degli uccelli, ma anche gatti e cani.

Membro di due club di ornitologia, padre Ronan è appassionato di animali. Ogni anno, all’inizio di ottobre, propone una benedizione degli animali da compagnia nella basilica di Hennebont in occasione della memoria di san Francesco d’Assisi:

La benedizione ha luogo all’interno della basilica dopo la lettura della Parola, e ognuno è invitato a venire col proprio animale da compagnia. Ci sono anche cavalli e capre! Certamente ci sono anche parrocchiani, ma vengono pure alcuni che sentono la Parola di Dio solo una volta all’anno, e in quella occasione.

«Penso che gli animali siano per noi dei mezzi di accesso alla trascendenza», ricorda padre Ronan:

È il caso degli animali ma anche dell’arte: questa contemplazione della creazione, di qualcosa di più grande dell’uomo, ci aiuta a percepire una trascendenza. Quando vedo i miei animali, rendo grazie a Dio.

«Vedo la mia passione per gli animali come un’occasione di incontro con le persone», spiega il parroco.

Ma quando ho visto che la storia del mio lama aveva fatto il giro del mondo mi sono un po’ preoccupato: in che mondo si vive, per attaccarsi a una cosa di questo tipo? Ad esempio, il Time ci ha fatto un articolo… e sì che sono in piena Brexit!

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni