Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Si spaccia per monaco benedettino, dice la messa e confessa. Ma è un finto prete

Youtube
Condividi

Il caso in provincia di Foggia. Durissimo il vescovo: interdetto dai sacramenti

Si parla di crisi di vocazione da parte dei giovani, poi si scopre che c’è chi, invece, farebbe carte false per diventare prete. Alessio Maria Prencipe, 38enne di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno – ma originario di Foggia – ha celebrato messa e confessato i fedeli senza aver alcun titolo nella chiesa di Santa Maria della Strada, a Torremaggiore, nel foggiano. Poi però è stato scoperto.

Così si è giustificato

«Ho detto messa perché il parroco me l’ha chiesto, io volevo solo assistere all’Eucarestia, ma lui ha insistito nonostante avessi detto più volte di no – si giustifica adesso Prencipe – Però non ho confessato. Mi sono appartato con alcuni fedeli, ho ascoltato le cose che mi volevano dire, ma non ho dato alcuna assoluzione. Sono rimasto vittima di un torto».

“Bravo ragazzo” che non ha realizzato il suo sogno

Prencipe si è presentato a Torremaggiore come monaco benedettino e prete, ottenendo l’autorizzazione a celebrare l’Eucarestia due giorni dopo Natale e a confessare numerosi fedeli.

Gli insegnanti dell’Istituto Alberghiero di San Benedetto del Tronto, dove ha conseguito il diploma professionale, lo ricordano come un bravo ragazzo, molto disponibile, ma già allora folgorato dalla croce che portava sempre al collo. Sentiva la vocazione dentro ma non è mai riuscito a diventare sacerdote (Il Resto del Carlino, 29 gennaio).

Leggi anche: Finte suore si baciano davanti alla chiesa: a processo fotografo e modelle

Le indagini

Sulla vicenda il vescovo della Diocesi di San Severo, Monsignor Giovanni Checchinato, ha ricostruito i fatti in una nota: una persona avrebbe millantato di essere sacerdote «carpendo la buona fede anche dei fedeli» e «creando disorientamento e confusione nella chiesa locale e soprattutto nella comunità cristiana di Torremaggiore».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni