Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Si spaccia per monaco benedettino, dice la messa e confessa. Ma è un finto prete

alessio prencipe

Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 30/01/19

Il caso in provincia di Foggia. Durissimo il vescovo: interdetto dai sacramenti

Si parla di crisi di vocazione da parte dei giovani, poi si scopre che c’è chi, invece, farebbe carte false per diventare prete. Alessio Maria Prencipe, 38enne di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno – ma originario di Foggia – ha celebrato messa e confessato i fedeli senza aver alcun titolo nella chiesa di Santa Maria della Strada, a Torremaggiore, nel foggiano. Poi però è stato scoperto.

Così si è giustificato

«Ho detto messa perché il parroco me l’ha chiesto, io volevo solo assistere all’Eucarestia, ma lui ha insistito nonostante avessi detto più volte di no – si giustifica adesso Prencipe – Però non ho confessato. Mi sono appartato con alcuni fedeli, ho ascoltato le cose che mi volevano dire, ma non ho dato alcuna assoluzione. Sono rimasto vittima di un torto».

“Bravo ragazzo” che non ha realizzato il suo sogno

Prencipe si è presentato a Torremaggiore come monaco benedettino e prete, ottenendo l’autorizzazione a celebrare l’Eucarestia due giorni dopo Natale e a confessare numerosi fedeli.

Gli insegnanti dell’Istituto Alberghiero di San Benedetto del Tronto, dove ha conseguito il diploma professionale, lo ricordano come un bravo ragazzo, molto disponibile, ma già allora folgorato dalla croce che portava sempre al collo. Sentiva la vocazione dentro ma non è mai riuscito a diventare sacerdote (Il Resto del Carlino, 29 gennaio).


TWO ATTRACTIVE YOUNG NUNS

Leggi anche:
Finte suore si baciano davanti alla chiesa: a processo fotografo e modelle

Le indagini

Sulla vicenda il vescovo della Diocesi di San Severo, Monsignor Giovanni Checchinato, ha ricostruito i fatti in una nota: una persona avrebbe millantato di essere sacerdote «carpendo la buona fede anche dei fedeli» e «creando disorientamento e confusione nella chiesa locale e soprattutto nella comunità cristiana di Torremaggiore».

Continua il comunicato: il sig. Alessio Prencipe «carpendo la buona fede e traendo in inganno il parroco della chiesa parrocchiale di Santa Maria della Strada, ha dichiarato di essere monaco benedettino e prete. Inoltre è stato presentato come assistente spirituale nazionale dell’associazione “Laudato Sii”. Informazioni per le quali gli è stata consentita la possibilità di celebrare l’eucaristia».




Leggi anche:
Ad Ischia il prete presto sarà padre. Il vescovo “benedice” la scelta. Ma è normale?

I contatti con le Curie Generalizie

Prencipe, sentenzia il Vescovo, «ha mentito sulla sua identità di monaco e presbitero». Infatti, spiega il Pastore della Diocesi: «Dopo aver contattato la Curia Generalizia dei Monaci Benedettini Sublacensi Cassinesi in Roma e la Curia Generalizia dei Monaci Benedettini Silvestrini in Roma dove, tra l’altro, il sedicente monaco ha detto di essere membro residente; dopo aver chiesto e ricevuto informazioni dalla Curia diocesana di San Benedetto del Tronto dove il Prencipe ha attualmente la residenza; dopo aver chiesto altre informazioni sul suo presunto ruolo di assistente spirituale nazionale dell’associazione menzionata; è giunto alla certezza morale della completa estraneità a tutte queste realtà e all’Ordine Sacro».

Nessun documento

Quindi, il 19 gennaio, «Prencipe è stato avvicinato a Torremaggiore dal Vicario Generale e dal Cancelliere Vescovile della Diocesi e nonostante abbia ancora confermato di essere monaco benedettino e di appartenere alla comunità di santo Stefano a Roma presso i Monaci Benedettini Silvestrini, non ha presentato nessun documento probatorio a supporto delle sue affermazioni; non ha presentato il “celebret” che avrebbe potuto smentire il ragionevole dubbio sulla sua ordinazione presbiterale; ha fornito un recapito telefonico inesistente dei suoi presunti superiori».


KSIĄDZ W KOLORATCE

Leggi anche:
Ecco chi era il falso prete che vendeva le finte reliquie di Giovanni Paolo II

Interdetto dai sacramenti

La nota prosegue: «Visto e considerato che il 27 dicembre 2018 ha simulato la celebrazione dell’Eucaristia nella parrocchia di Santa Maria della Strada in Torremaggiore ed ha ascoltato la confessione di alcuni fedeli, è incorso “ipso facto” nella pena dell’Interdetto “latae sententiae” stabilita dal Codice di Diritto Canonico. Ciò significa che si è messo nella condizione di non poter ricevere i sacramenti». .

Il vescovo: attenti ai truffatori

Il vescovo conclude con un consiglio ai fedeli: «Nella certezza di aver fatto chiarezza sulla questione, nella speranza che situazioni simili non si ripetano – ha concluso Mons. Checchinato – si coglie l’occasione per esortare i fedeli e le comunità parrocchiali ad essere “sentinelle”; prima di dar credito a chi si dovesse qualificare/presentare come religioso» (Foggia Today, 26 gennaio).


ROLE KSIĘŻY I SIÓSTR ZAKONNYCH

Leggi anche:
Falso prete arrestato in Francia: ma come si fa a riconoscere “quelli veri”?

Tags:
falso pretefinto pretescomunica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni