Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’amore ai tempi della grande rete

Shutterstock
Condividi

Le conseguenze delle dinamiche relazionali del continente digitale

di Paolo Benanti

I progressi che le tecnologie informatiche stanno operando e la velocità con cui si superano nuove frontiere nello sviluppo suscitano numerosi interrogativi e quesiti. L’impatto che la tecnologia ha avuto sulla vita negli ultimi cinquanta anni non è stato solo di natura quantitativa, cosa e quanto possiamo intervenire, ma soprattutto qualitativa: come comprendiamo noi stessi, il mondo e la vita. Potrebbe sembrare esagerato pensare che un artefatto tecnologico possa portare a questo tipo di trasformazione. Tuttavia uno sguardo alla storia potrà facilmente convincerci del contrario. Nel XVII secolo la scoperta della lente convessa ha dato luogo a due strumenti, il telescopio e il microscopio, che hanno cambiato il modo con cui noi abbiamo capito l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo. Il telescopio ha cambiato la nostra percezione del cosmo portandoci a una visione eliocentrica e il microscopio ha cambiato il concetto di vita e di organismo vivente.

Oggi il dilagare delle informazioni e la loro connessione con i più disparati aspetti della nostra vita, fa sì che questi subiscano analoghi processi di radicale trasformazione nel nostro modo di comprenderli. Tutto questo grazie a un nuovo strumento tecnologico: il computer. Il computer e la sua potenza nell’elaborare dati, la capacità di sofisticati algoritmi e l’introduzione di sistemi esperti ci aiutano a trovare correlazioni là dove le teorie che sviluppiamo sembrano fallire. Come con la lente convessa, abbiamo ora un nuovo strumento, che, per analogia con gli altri, potremmo chiamare macroscopio. Il macroscopio non lavora sulle grandezze visive ma sulla correlazione e ci permette di studiare l’infinitamente complesso. Le intelligenze artificiali, gli algoritmi di apprendimento automatico — il cosiddetto machine learning — e gli altri sistemi cognitivi informatici sono gli attori di questa rivoluzione. Questi sistemi si stanno diffondendo sempre più in ogni ambito del nostro vivere come in passato il vapore e l’energia elettrica hanno cambiato il modo con cui eravamo soliti svolgere tutte le nostre attività.

Il continente digitale ha trasformato il modo in cui le persone lavorano e comunicano. Ha rivoluzionato le industrie, dall’intrattenimento alla vendita al dettaglio. Ma il suo effetto più profondo potrebbe essere la decisione più importante presa dalla maggior parte della gente: scegliere un compagno di vita. Internet, infatti, ha trasformato la ricerca del partner e il modo, per usare un’espressione mediatica, in cui si trova l’amore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni