Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come trovare un equilibrio tra famiglia e lavoro?

pexels-photo-313690

Pexels

5pani e 2pesci - pubblicato il 28/01/19

È un cammino

Prima di questa incredibile avventura di 5pani2pesci, ero professore di Fisica presso l’università di Friburgo. Ho lavorato nel mondo della ricerca per più di 10 anni e (cavoli!) se sono stato messo in crisi dal non riuscire a trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata!

Gli impegni e le cose da fare, intorno a me pareva mi risucchiasero ogni giorno in un vortice di cose che richiedevano costantemente la mia attenzione. E non solo questo. Proprio la mia testa era sempre assorbita da problematiche connesse al lavoro e facevo una fatica immensa a staccare la spina.

Un fatto però è questo: mi era chiaro che il lavoro non poteva donarmi quella pienezza e quel desiderio di amore che abita nel mio cuore, che mi rende pieno e mi conduce alla felicità. Per me questo è un fatto. Basta guardarci dentro, basta vedere le persone sul posto di lavoro, basta vedere i grandi “uomini di successo” (che magari intanto sono divorziati, hanno problemi con alcol o droghe ecc…) per capire che nel lavoro non c’è la risposta per la nostra felicità (ATTENZIONE: “troppo lavoro” è uno dei nuclei di morte che distrugge una storia d’amore!).

Allo stesso tempo, è chiaro che il lavoro è anche un grande mezzo di edificazione (un servizio! 👍) per se stessi e la comunità. È fonte di sostentamento, nonchè il modo pratico in cui spesso diamo il nostro contributo al mondo. Un contributo che tuttavia può assorbire la maggior parte delle nostre energie fisiche e psichiche.

La questione è seria e ne va della nostra felicità.




Leggi anche:
Quando il troppo lavoro sfinisce una storia d’amore

Con il tempo ho capito che non è tanto questione del lavoro che fai, ma di come il lavoro prende un posto all’interno della vita, in termini di priorità, soddisfazione e ambizioni personali.

Lo ripeto, è un cammino, ma la chiave è fare ordine nel proprio cuore. Se il lavoro è prioritario, o se non riusciamo a staccarci dal lavoro, o prende una parte troppo ampia della nostra vita, allora questo è un campanello d’allarme.

A questo punto, sta a noi accoglierlo ed incominciare a lavorare su noi stessi (fare un cammino!) per fare ordine nel nostro cuore ed incominciare a vivere più pienamente nel progetto di Dio.

A lavoro!

Fra

PS> Se vuoi iniziare un cammino, ti aspettiamo ad uno dei nostri incontri che teniamo in giro per l’Italia. Ecco le date: https://tour.5p2p.it

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
famiglialavoro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni