Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

2 modi in cui i genitori impediscono ai figli maschi di diventare veri uomini

BOYS PLAYING
Condividi

I ragazzi oggi sono in una situazione senza via d’uscita, ma c’è un modo per risolverla

Ho visto mettere in discussione più di una volta il fatto di essere uomo perché mi piace vestire bene. Sono stato deriso per la mia capacità di essere in grado di citare le poesie di Gerard Manley Hopkins e di suonare i preludi di Chopin al piano. Amo i romanzi di Jane Austen. Ho visto dei musical sentimentali e mi sono piaciuti. Vedere messa in discussione la mia identità mi ha confuso ancor di più quando mi veniva detto che probabilmente ero anche un misogino per il fatto di essere cattolico e di accettare il sacerdozio esclusivamente maschile, o perché avevo troppi figli e io e mia moglie ci conformavamo ai ruoli di genere tradizionali. Le critiche non hanno senso. Nel suo articolo, Sledge afferma che altri uomini vivono la stessa esperienza, e che la critica da entrambe le parti “lascia confusi molti giovani che stanno crescendo”. “Non ci impegniamo nei tipi sani di gioco che dovremmo scegliere, e non otteniamo il legame emotivo di cui abbiamo bisogno dai padri o da altri uomini. Questo lascia gli uomini apatici e indifferenti quando sentono che non possono essere né una cosa né l’altra, e quindi ci ritiriamo nei nostri mondi digitali letargici”.

I ragazzi finiscono per perdersi nel loro viaggio verso l’età adulta, e molti uomini sono adolescenti in corpi cresciuti perché sono stati privati della loro mascolinità. E tutto ciò che resta sono videogiochi, pornografia e trascorrere ogni sera a guardare lo sport in televisione. In altre parole, si viene lasciati con vizi e tracce malsane dell’infanzia che avrebbero dovuto essere abbandonate.

E allora come possiamo aiutare i ragazzi a diventare giovani uomini sani?

In primo luogo bisogna capire che l’essere chiassosi e il giocare a spade e guerre sono tutti modi per esplorare il proprio ambiente. I maschi in particolare cercano l’avventura, e trovano nell’eroismo il loro obiettivo nella vita. Ciò non vuol dire che debbano trovare una donna indifesa da salvare per diventare veri uomini, ma devono essere incoraggiati – soprattutto dai padri – ad affrontare coraggiosamente il caos e l’ignoto. I ragazzi imparano a diventare uomini affrontando il male e conquistandolo. Cerco di spiegarlo ai miei figli a vari livelli. Possono sfidare il loro corpo attraverso lo sport, disciplinare la loro vita interiore coltivando la virtù e vincendo il vizio e scoprire la loro responsabilità di difendere la verità, i deboli e i vulnerabili.

BOY HUGGING MOTHER
Shutterstock

In secondo luogo, una volta che ai ragazzi è data la libertà di essere forti eviteranno una crisi di identità sul fatto di essere sensibili e artistici. Un uomo forte è un uomo gentile, e un uomo sicuro è un uomo emotivamente sensibile. Parlo ai miei ragazzi delle mie emozioni e insegno loro ad amare cose belle come cantare e suonare il piano. Cerco di abbracciarli molto. Voglio anche che mi vedano abbracciare la madre e le sorelle e come sono gentile con loro. Prego con i miei figli e vado a Messa con loro perché l’adorazione è una virtù tanto maschile quanto femminile. Gli uomini vanno in chiesa con le loro famiglie.

La famiglia è una chiamata all’avventura, e i ragazzi sono entusiasti di intraprendere questa via eroica. Con più incoraggiamento possono imparare ad essere forti e sensibili, guerrieri ma anche poeti, fiduciosi nella loro identità e pronti ad affrontare l’ignoto.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni