Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

17 modi per dire cristianamente “No” (sicuramente ne avete detta la metà)

NO
Condividi

di Nory Camargo

Abbiamo dovuto dire tutti di no una volta o l’altra, ma cosa succede quando non riusciamo ad essere sinceri, a dire tranquillamente “No”, senza inventare scuse, creare storie fantasiose e diventare ottimi bugiardi? Per alcuni il fatto di inventare è un’abitudine, altri pronunciano semplicemente il “No” con tutta la calma che merita la situazione, mentre per altri ancora è quasi impossibile.

Avete sicuramente sentito conoscenti, amici o familiari che si facevano scudo dietro frasi come “Forse non è la volontà di Dio”, “Non posso perché sento che non è il momento di Dio”, “No perché forse Gesù non lo farebbe”, anziché dire “No” perché non voglio, perché non ho tempo, perché ho cose migliori da fare o perché semplicemente non mi va. Il video che vedrete è pieno di frasi che sentiamo costantemente per dire no “cristianamente”.

Dire di no è del tutto normale e necessario

Quanti problemi ci risparmieremmo se dicessimo “No” quando vogliamo e dobbiamo dirlo davvero a qualcuno o a qualcosa! Il fatto di essere cristiani non significa dover dare un tocco spirituale a tutto ciò che diciamo. Non andiamo in giro pensando: “Dio mangerebbe questa pizza?”, o “Quanti cioccolatini mangerebbe Gesù?” Non risponderò con la verità perché sicuramente altri penseranno male di me, mi giudicheranno o mi additeranno in modo ancor più aggressivo perché sono credente, perché vado a Messa tutte le domeniche o perché recito il Rosario.

Essere cristiani non ci trasforma in esseri umani perfetti. È vero che lavoriamo ogni giorno per essere persone migliori, che ci sforziamo di agire bene, ma questo ideale non deve diventare la scusa perfetta per usare Dio come mediatore delle nostre menzogne. Come la scusa che ci permette di fuggire da quello che non vogliamo, da quello che ci infastidisce o ci risulta scomodo.

Dobbiamo imparare a dire “No” senza rimorso o vergogna. Dirlo adducendo le ragioni per le quali siamo convinti di non volere qualcosa è del tutto accettabile. Non dobbiamo aver paura di dire ciò che sentiamo, senza che questa decisione diventi un’opportunità per sminuire, mentire o ferire suscettibilità. Dire di no fa bene, evita inconvenienti e offre l’opportunità di mostrarci come siamo.

Qui l’originale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni