Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché il Papa cita in positivo la Madonna dei Mandarini, “protettrice” dei malfattori? 

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA
Condividi

La Vergine è al centro di una leggenda calabrese. Che Papa Francesco "utilizza" come esempio di amore incondizionato verso i peccatori. Ecco perchè

Papa Francesco ama citare positivamente la Madonna dei Mandarini, protettrice di briganti e malfattori. Un paradosso?

Padre Awi Mello in “È mia madre – Incontri con Maria” (edizioni Città Nuove), libro-intervista con il Papa, spiega perchè Francesco racconta come buon esempio questa leggendaria devozione alla Madonna. Tranquilli! Nessun apprezzamento per i delinquenti. La devozione del Papa ha radici ben più profonde.

CHILLON
© 2018 Excmo. Ayuntamiento de Chillón

Secondo il giornale Il Tirreno, Francesco avrebbe raccontato durante una visita ai detenuti del carcere “Don Bosco” di Pisa che, in Calabria, esiste una devozione alla «Madonna dei Mandarini, conosciuta come la Madonna dei briganti perché apre le porte del Paradiso a queste persone».

La poesia e la leggenda

Il titolo di Madonna dei Mandarini è assai particolare, e la leggenda ad essa collegata è ancora più sorprendente. Non si sa se venne prima la leggenda o una poesia ad essa dedicata, scritta dal napoletano Ferdinando Russo (1866-1926) agli inizi del XX secolo, che racconta la storia conosciuta così bene dal Papa.

«Qui in Italia, nel sud, in Calabria, c’è una Madonna, il cui titolo ora non ricordo – dice Francesco – e che colloquialmente viene chiamata la “Madonna dei Mandarini”, perché il santuario si trova sulla cima di un colle ricco di agrumeti e la leggenda dice che è la Madonna dei ladri, dei briganti, di quelli della mala vita».

San Pietro

Ovviamente, Francesco sa che è solo una leggenda e che la volontà della Vergine Maria coincide sempre con quella di Dio. È stata proprio lei, infatti, ad affermare: «Avvenga di me quello che hai detto» (Lc 1, 38). Secondo la leggenda, san Pietro forse è più rigoroso rispetto a Maria nel giudicare i malviventi. Il giudizio di Dio, però, è giusto e, allo stesso tempo, misericordioso. Così giusto e misericordioso come quello della Madonna, in quanto Lei non vorrà mai niente di diverso dal desiderio di suo Figlio Gesù.

Nessuna contrapposizione

Il papa, sicuramente, non voleva contrapporre qui l’atteggiamento benevolo e misericordioso della Madre con il giudizio severo e rigoroso del Padre, come se questi comportamenti potessero portare a risultati diversi. Il papa sa che non è così.

Sa, inoltre, che Maria non accetta il crimine, il male, il furto e che volerle bene ed esserne devoti non esime dall’obbligo di fare il bene, amare il prossimo ed essere giusti.

La “distinzione” di Maria

Perché, allora, Francesco ha raccontato quella leggenda della Madonna dei Mandarini? «È una leggenda molto conosciuta – risponde a Mello – proprio elementare, ma vi è un qualcosa dell’intercessione mariana, cioè “non toccare mio figlio”. Anche questo figlio è mio». Maria sa distinguere con sicurezza il peccato dal peccatore, sa respingere il primo e amare incondizionatamente il secondo. Quante madri di detenuti potrebbero testimoniarlo!

Si ricorre a Lei con amore, e perfino con la “sfacciataggine” dei figli che sanno di essere amati incondizionatamente. Il senso della fede dei fedeli cristiani indica loro, per una specie di “istinto cattolico”, che «Ella appartiene ad essi, ed essi la sentono Madre e sorella» (DA, 269).

https://www.youtube.com/watch?v=eb5nlybu4mw

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.