Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il prete premiato da Mattarella è il simbolo della buona integrazione dei migranti

Facebook
Condividi

Don Paolo Steffano, che ha ricevuto una onoreficenza dal presidente della Repubblica, è stato il protagonista de “I Nuovi Eroi” su Raitre. Opera a Baranzate, la cittadina delle 72 etnie

Protagonista di ‘Nuovi Eroi’, il format di Raitre dedicato agli italiani che si sono distinti e sono stati premiati per questo dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nella sua vita, Don Paolo Steffano si è contraddistinto per il suo impegno a favore dei poveri e degli emarginati della società (Viaggi news, 23 gennaio 2019).

Le 72 etnie di Baranzate

Classe 1965, è diventato parroco di Baranzate (Milano) dopo il suo impegno di vicario parrocchiale e responsabile della pastorale giovanile di Cernusco sul Naviglio. Qui è rimasto dal 1996 al 2004. Don Steffano è passato quindi a una parrocchia tra le più interessanti d’Italia, per il suo portato multietnico senza eguali, quella di Baranzate.

Sono 72 le etnie che si intrecciano nel tessuto sociale di cui si è occupato. Il 40% della popolazione è composta di stranieri che trovano nell’operato di don Paolo Steffano braccia sempre aperte e uno sguardo gentile (Donna glamour, 25 gennaio).

Leggi anche: Un parroco è “colpevole” perchè aiuta i migranti. Forza Nuova lo accusa: fai politica

Dalla “Festa dei Popoli” alla “Rotonda”

La sua presenza e il suo impegno favoriscono il dialogo interreligioso, che peraltro il sacerdote aveva già avviato nel corso del suo cammino di fede sin da giovanissimo.

E’ anche ideatore della “Festa dei Popoli”, la cui prima edizione si tenne quasi vent’anni fa, e ha fondato l’associazione “La Rotonda”, che mira a promuovere l’integrazione sociale tra italiani e stranieri indipendentemente dal credo. Accoglienza, tolleranza, aiuto reciproco e impegno nel lavoro sono i punti cardinali dell’attività di cui il don è promotore.

Leggi anche: Minacce, fango, ricatti. Questa è la sorte che tocca ad un parroco che aiuta i migranti

Uno “spaccio” buono

Il prete ha anche organizzato uno spaccio in un capannone industriale in disuso. Al suo interno verdure fresche che avanzano dalle aziende della grande distribuzione, messe a disposizione di chi ha bisogno. Nella parrocchia di Sant’Arialdo, a Baranzate, ogni settimana circa 40 famiglie hanno l’assistenza alimentare necessaria per la sopravvivenza grazie all’opera di don Steffano.

Il cardinale Martini

© Mafon/Wikimedia Commons

Cita spesso il cardinale Carlo Maria Martini (come riporta Famiglia Cristiana) e da lui ha tratto ispirazione per avviare un progetto di sintesi e simbiosi tra uomo e Chiesa. Una via che si traduce nel dare un volto ‘umano’ agli insegnamenti di Dio, attraverso l’amore per il prossimo.

Don Paolo è stato insignito con l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente della Repubblica Mattarella, il 6 febbraio 2018, per il «suo contributo a favore di una politica di pacifica convivenza e piena integrazione degli stranieri immigrati nell’hinterland milanese».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.