Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Fa nascere una bambina per donare gli organi”, no: per amarla una settimana

RYLEI, ARCADIA, CHILD
Condividi

Gira la notizia di questa giovane mamma americana che avrebbe messo al mondo una figlia gravemente malata solo per donarne gli organi; andando a recuperare l'intera storia si scopre una famiglia che ha amato ogni secondo quella bimba che ha vissuto una settimana.

Forse noi ci illudiamo che il nostro secolo sarà ricordato per grandi meriti tecnologici … o grandi disastri umani. Non mi stupirei se venissimo rubricati come “quelli delle fake news” o i fabbricatori di notizie.

Quasi la realtà, quasi …

Nel mondo dell’informazione la grande assente è, sempre più spesso, la realtà. Non ci vuole una mente geniale e raffinata per capirlo. Noi siamo quelli che hanno capito che “dire una cosa” può diventare qualcosa di molto simile a “renderla reale”. Ci fidiamo di chi riporta le notizie, soprattutto se ci piace quello che è scritto nelle notizie. Lo diffondiamo, quasi per confermare che la nostra visione del mondo corrisponde a realtà. Un post, il link alla notizia e un commento: Vedi che gli immigrati sono cattivi? Vedi che i politici sono ladri? Vedi che i vaccini sono cattivi? Il gioco è fatto.

Dall’altra parte della barricata c’è chi scrive e costruisce le notizie, il quale ha ampiamente acquisito capacità di creare fake news coi controfiocchi, ma anche – più semplicemente – sa fare un taglia e cuci degli elementi di una storia per veicolare, ancora una volta, un messaggio che gli torna utile. Altri siti, altri blogger, altri commentatori rilanciano la storia come la trovano e – una volta di più – il gioco è fatto.

Gira una notizia da qualche giorno e gira con questo titolo “madre partorisce una bambina per donare gli organi“. Detta così sembra che la donna in questione sia la sorella minore del dottor Frankenstein, una fabbricante di parti umane da dare via. La cosa davvero amara è che, anche detta così, sembra una storia positiva e commovente: una giovane madre scopre alla 18 settimana di gravidanza che la sua bambina è affetta da anencefalia e avrà poche possibilità di vivere anche solo una manciata d’ore, decide comunque di portare avanti la gravidanza per donare gli organi della figlia e aiutare altri bambini.

Che c’è di stonato? C’è che si passa alla leggera su quella vita piccolissima e sulla sua dignità; dato per assodato che non ha valore alcuno, può essere usata come scorta di organi per altri. Passa questo messaggio, raccontata così.

C’è di stonato che i fatti sono altri: c’è una bambina che è nata ed è vissuta una settimana e che i genitori hanno amato in pienezza come figlia, non come essere malato ma dotato di utili pezzi di ricambio. Il dubbio lecito, allora, è che fosse davvero scandaloso titolare: anche una vita così breve è stato un miracolo per i suoi genitori.

E la parola miracolo la usa la sua mamma, nel racconto in prima persona degli eventi che ripercorriamo insieme.

Così piccola, così potente

Una storia d’amore tra due giovani americani del Tennesse arriva ad ospitare un evento che entrambi sono si sarebbero mai detti capaci di sostenere. Il loro intero racconto è stato raccolto da Shari Puterman per il Daily Advertiser, a cui risaliamo per una conoscenza della vicenda dalla viva voce dei protagonisti.

Krysta Davis ha 23 anni, il suo compagno Derek Lovett ne ha 26 e stanno insieme da neanche due anni: si innamorano a un distributore di benzina dove lei lavora e lui va spesso come cliente; quasi subito sorge il desiderio di essere una famiglia, anche se non passando dal matrimonio.

Krysta scopre di soffrire della sindrome dell’ovaio policistico, l’ipotesi di portare a termine una gravidanza diventa quasi un miraggio. Dopo un aborto spontaneo, una nuova gravidanza inizia sotto i migliori auspici: alla 16 settimana scoprono che è femmina. Due settimane dopo, i medici informano i genitori che la bambina ha dei problemi, si ipotizza qualcosa di grave come la spina bifida. Ma la diagnosi finale è ancora più grave, dice la madre:

E poi mi hanno detto che non era spina bifida – era anencefalia (da Daily Advertiser)

L’ipotesi è che la bimba, qualora arrivi alla nascita, abbia pochi minuti o ore di sopravvivenza; perciò vengono date ai genitori due alternative: indurre il parto immediatamente, come forma abortiva, oppure far proseguire la gravidanza secondo la sua naturale evoluzione.

Abbiamo seguito un altro dottore – racconta Krysta – il quale ci disse che se la gravidanza fosse arrivata a termine avrei potuto donare gli organi e forse incontrare i bambini che li avrebbero ricevuti. A quel punto, io e Derek ci siamo guardati e abbiamo capito cosa fare. (Ibid)

Un genitore non potrà mai tollerare che la vita che cresce nel grembo sia gravata dall’ombra della morte. Un figlio che amo non è fatto per la morte, non è morte. E’ quindi comprensibile che Krysta e Derek abbiano intravisto nell’ipotesi della donazione degli organi una via feconda per dare senso al dolore che li lacerava.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni