Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

4 chiavi per affrontare la tristezza e il vuoto emotivo

THOUGHTFUL
Shutterstock/fizkes
Condividi

Cercare di arricchire il nostro mondo emotivo per affrontare i momenti di vuoto

Il vuoto emotivo è una sensazione che non si può riempire con acquisti o uscite e che richiede un lavoro interiore. Si può tener conto di alcune chiavi utili per compiere un passo che ci aiuterà a fare la differenza in quei momenti.

Identificate i pensieri negativi

Come ogni giorno controlliamo la posta elettronica e cestiniamo ciò che non ci interessa, cercare di creare la stessa abitudine con i pensieri è molto positivo. Ripercorrerli ci permette di assicurarne la qualità, e quindi anche di controllare le emozioni che possono suscitare.

È importante non solo identificare i pensieri negativi, ma anche imparare a inserire alcune strategie per non crearli, come non trarre conclusioni affrettate fino a quando non si dispone di altri dati che permettano di confermarle o non sottolineare l’aspetto negativo provocando un problema emotivo.

Un’altra delle trappole mentali è generalizzare i fatti, come quando pensiamo che se abbiamo avuto una brutta esperienza questa si ripeterà. Poter disattivare alcune di queste trappole può aiutarci a creare pensieri più funzionali che ci permettano di soffermarci sulla realtà e di cercare soluzioni reali.

Imparate a farvi delle domande

La cosa più importante non è quella sensazione strana e scomoda che può risvegliare il vuoto emotivo, ma pensare ad esso come a una sorta di allarme. Anziché affondare nel vuoto, possiamo imparare a porci delle domande per essere felici.

In genere rifuggiamo dal silenzio, ci chiediamo meno cose e la sensazione di funzionare in automatico è molto più spiccata quando smettiamo di interrogarci sulla nostra felicità o su quella delle persone che ci circondano. Essendo una decisione che si prende tutti i giorni, la felicità richiede il fatto di generare spazi di riflessione e di porsi delle domande.

Date spazio anche al divertimento

È importante godersi le cose quotidiane e non sottovalutare l’allegria o le risate che ci motivano e danno benessere alla nostra salute emotiva.

Creare una lista di cose che dobbiamo fare identificando ciò che è urgente e ciò che è importante può essere di grande aiuto. Vedere cosa potremmo smettere di fare o fare in un altro modo può poter includere ciò che ci piace e che pur essendo importante magari abbiamo rimandato.

Rafforzate la vostra autostima

L’autostima è come il sistema immunitario della nostra vita emotiva. La mancanza di valorizzazione di sé fa sì che le nostre difese emotive scendano e che smettiamo di credere che esistano o che meritiamo cose positive. Una buona autostima ci aiuta a far fronte alle sfide di ogni giorno.

Per lavorare sull’autostima, è importante aumentare le tecniche di autoconoscenza. Non possiamo amare qualcosa che non conosciamo. Approfondire chi siamo ci permette di determinare punti di forza e difetti e di concentrarci su ciò che accettiamo, su quello che ci piacerebbe mantenere e su come possiamo migliorare partendo dall’amore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni