Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché la controversia sullo spot della Gillette è un’ottima opportunità di evangelizzazione

Gillette/ Youtube
Condividi

Ci sono molte ragioni teologiche dietro al fatto che Gesù venga definito l’uomo perfetto, ma per il bene di questo articolo (e di noi meri mortali) ce ne sono altre a cui si può far riferimento, che spiegano perché Gesù incarni ciò che significa essere l’uomo perfetto. Con le sue parole e il suo esempio, Gesù ci ha insegnato come amare, servire, essere umili, essere coraggiosi, dire la verità, essere forti ed essere mansueti quando è necessario e così via. Ovviamente l’esempio più grande che Gesù ci ha lasciato è stato il modo in cui ha dato la propria vita, sacrificandosi per il bene di chi amava. Non stupisce che la Chiesa insegni che chiunque segue Cristo, l’uomo perfetto, diventa più uomo.

È per questo che è necessario non rimanere invischiati nella controversia che circonda la recente pubblicità della Gillette, usandola invece come un’opportunità.

Sarebbe ingenuo dire che alcune delle questioni sottolineate nello spot, come il bullismo o le molestie sessuali, sono rare, ma anche etichettare tutti gli uomini come se fossero colpevoli di “mascolinità tossica” (qualunque cosa significhi) è una generalizzazione ingiusta. Non miriamo a far sì che gli uomini diventino un pugno di “bravi ragazzi”. Abbiamo bisogno di uomini giusti e virtuosi. Indirizzando lo sguardo maschile a Cristo, possiamo permettere agli uomini di sentire la chiamata a uno standard più elevato, di modo da poter cercare di crescere nella virtù e nell’autentica mascolinità. Abbiamo bisogno di uomini che non abbiano paura di esserlo, il che vuol dire che servono uomini che siano mariti buoni e amorevoli, padri presenti capaci di impartire una comprensione autentica della mascolinità ai propri figli maschi e amici senza il timore di sfidarsi se questo può portare a un grado superiore di santità. In altre parole, abbiamo bisogno di uomini che vivano il versetto evangelico che recita “Il ferro si aguzza con il ferro e l’uomo aguzza l’ingegno del suo compagno” (Proverbi 27, 17).

E il punto d’inizio per questo è il fatto di estendere un invito a qualsiasi uomo intorno a noi perché abbia un incontro con l’amore dell’uomo perfetto, Gesù Cristo. Più un uomo è attirato verso l’amore e la misericordia di Gesù, più vedrà le aree specifiche della sua vita e della sua mascolinità che richiedono conversione, per poter vivere imitando il modello e l’esempio che Gesù ci ha lasciato.

Cambiamo il tema della discussione che circonda questa pubblicità. È davvero di vitale importanza chiedersi senza sosta se la Gillette, che produce innanzitutto prodotti per la rasatura, ha interesse a parlare agli uomini o a chiunque altro dello stato della mascolinità nella nostra società? E quanto ancora discuteremo del fatto che questo spot sia ingiusto nei confronti degli uomini o delle donne? Queste discussioni si sono già sentite fino alla nausea, online e in televisione. Iniziamo ad andare oltre, e quell’oltre è Gesù.

I ragazzi saranno ragazzi per un po’, ma poi devono crescere e diventare uomini. Possono imparare solo dall’esempio di Gesù, o direttamente imparando a imitarlo o indirettamente attraverso l’esempio di altri uomini che si sono lasciati modellare dal Suo amore e dalla Sua misericordia. I ragazzi di oggi saranno uomini domani – lasciamo che imparino cosa significa essere uomo dall’uomo perfetto.

Qui l’originale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.