Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: le beatitudini, vero stile di vita del cristiano

POPE AUDIENCE HOLY SEE

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Vatican News - pubblicato il 21/01/19

Si può credere di essere buoni cattolici ma non comportarsi da buoni cristiani. Il vero stile del cristiano è quello indicato dalle Beatitudini.

Il Vangelo, la Parola del Signore è il “vino nuovo” che ci è stato donato, ma per essere buoni cristiani occorre un “comportamento nuovo”, uno “stile nuovo” che è propriamente “lo stile cristiano” e che solo le “Beatitudini” sanno indicare. E’ questo il significato della “parola chiave” che chiude il Vangelo di Marco di oggi: “Vino nuovo in otri nuovi”, e da qui prende le mosse la riflessione del Papa nell’omelia mattutina a Casa Santa Marta.

Vivere accusando gli altri non è cristiano

“Per capire cosa è lo stile cristiano – dice Francesco – meglio capire forse gli atteggiamenti nostri che sono di uno stile non cristiano”, e ne cita tre, lo “stile accusatorio”, lo “stile mondano” e lo “stile egoistico”:

Lo stile accusatorio è lo stile di quei credenti che sempre cercano di accusare gli altri, vivono accusando: “No, ma questo, quello… No quello, no… quello non è giusto, quello era un buon cattolico…” e sempre squalificano gli altri. Uno stile – io direi – di promotori di giustizia mancati: sempre stanno cercando di accusare gli altri. Ma non se ne accorgono che è lo stile del diavolo: nella bibbia il diavolo lo si chiama il “grande accusatore”, che sempre sta accusando gli altri.

“Questa – fa notare Francesco – è una moda fra noi”, e lo era anche al tempo di Gesù che in più di un episodio rimprovera gli accusatori: “Invece di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, guarda la trave nei tuoi”; o ancora: “Coloro che non hanno peccato possono buttare la prima pietra”. Dunque, spiega il Papa, “vivere accusando gli altri e “cercando difetti” non è “cristiano”, “non è otre nuovo”.

La mondanità rovina tanta gente

E’ così anche per lo stile di vita che Francesco definisce “mondano”, cioè “del mondo”, proprio di quei cattolici che possono “recitare il Credo”, ma  vivono di “vanità, superbia, attaccati ai soldi”, credendosi autosufficienti:

Il Signore ti ha offerto il vino nuovo ma tu non hai cambiato gli otri, non hai cambiato. La mondanità, la mondanità che è quello che rovina tanta gente, tanta gente! Gente buona ma entra in questo spirito della vanità, della superbia, del farsi vedere… Non c’è l’umiltà e l’umiltà è parte dello stile cristiano. Dobbiamo impararla da Gesù, dalla Madonna, da san Giuseppe, erano umili.

L’indifferenza non è del cristiano

E c’è ancora un altro stile che “si vede nelle nostre comunità” e che non è cristiano: è “lo spirito egoistico”, lo “spirito dell’indifferenza”. “Mi credo un buon cattolico – spiega Francesco- faccio le cose ma non mi preoccupo dei problemi altrui; non mi preoccupo delle guerre, delle malattie, della gente che soffre … anche del mio prossimo… “. E’ l’ipocrisia che Gesù rimproverava ai dottori della legge. E allora quale è lo stile cristiano vero?

Lo stile cristiano è quello delle Beatitudini: mitezza, umiltà, pazienza nelle sofferenze, amore per la giustizia, capacità di sopportare le persecuzioni, non giudicare altrui … E quello è lo spirito cristiano, lo stile cristiano. Se tu vuoi sapere come è lo stile cristiano, per non cadere in questo stile accusatorio, lo stile mondano e lo stile egoistico, leggi le Beatitudini. E questo è il nostro stile, le Beatitudini sono gli otri nuovi, sono la strada per arrivare. Per essere un buon cristiano si deve avere la capacità di recitare col cuore il Credo, ma anche di recitare con il cuore il Padre Nostro.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
omelia santa martapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni