Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 suggerimenti per rendere il vostro matrimonio il progetto più importante di quest’anno

COUPLE
Atelier211 - Shutterstock
Condividi

Parlate per crescere in quell'amore che avete giurato di provare per tutta la vita

Non è impossibile, si può ricominciare un matrimonio da zero. E non parlo del fatto di perdere la memoria e dimenticare tutto o cose del genere, ma di riprogettarsi e reincontrarsi.

Abbiamo iniziato da poco un anno nuovo, e questo momento ci spinge a stabilire delle mete e a realizzare cambiamenti e miglioramenti. Cosa c’è di meglio che scegliere come ambito il nostro progetto di vita più importante, il nostro cammino verso la pienezza – il nostro matrimonio?

Il matrimonio non è un elemento isolato che funziona da sé, ma l’unione di due volontà che lo fanno funzionare. Entrambi, quindi, hanno bisogno di unire ogni parte che compone il loro rapporto.

Tutti i matrimoni, per quanto possano sembrare perfetti agli occhi del mondo, hanno spazi di opportunità, e questo mi sembra un buon periodo per affrontarli per reinventarci nel nostro rapporto.

Vi propongo di riflettere insieme come coppia sul vostro rapporto, e di chiedervi se ci sono degli aspetti che conviene sanare. Vi esorto quindi a mettervi all’opera per vivere un matrimonio nuovo, suggerendo di meditare su 7 aspetti. Prendetelo come spunto, parlate e approfondite per crescere in quell’amore che avete giurato di provare per tutta la vita.

  • Ricordate l’epoca del fidanzamento. Perché vi siete sposati? Cosa ti ha colpito in lei da chiederla in matrimonio? E tu, perché hai accettato di sposarti con lui? Portate questa storia passata al presente, e tornate a sentire le farfalle nello stomaco!
  • Che posto ha Dio nel vostro matrimonio? Com’è la vostra vita di preghiera come coppia?
  • C’è qualcosa per cui dovete chiedervi perdono? Il matrimonio è la scuola del perdono. Cercate di perdonarvi il prima possibile e di non andare mai a dormire arrabbiati.
  • Com’è la vostra comunicazione? Quali virtù dovete acquisire o quali atteggiamenti dovete migliorare per ottenere una comunicazione più efficace ed efficiente? Al giorno d’oggi i cellulari ci avvicinano alle persone lontane, ma ci allontanano da quelle vicine, in questo caso il nostro coniuge. Non dobbiamo mai perdere quel tocco personale. La comunicazione è veicolo dell’amore. Come persone abbiamo bisogno di donarci, di farci conoscere e di amare in modo più profondo, totale. In quell’amore abbiamo bisogno di dire ed esprimere tutto, fino all’intimo, con la fiducia nel fatto che l’altro ci capirà e ci accetterà come siamo. Dev’esserci una fiducia assoluta che ci permette e ci richiede di aprirci del tutto, ma richiede anche di accogliere l’altro con quella stessa fiducia assoluta.
  • Quali sono le ferite emotive che vi spingono a non fare il bene che desiderate e a operare il male che non volete? Come vi sostenete per guarirle? Cercate l’aiuto di Dio? Ricordate che perché un matrimonio migliori il cambiamento deve iniziare da noi: dobbiamo controllare le nostre parole, le nostre azioni, i nostri errori, i nostri sentimenti, le nostre decisioni…
  • Quali sono le vostre necessità emotive? Siete generosi l’uno con l’altro e vi servite con amore, anche se vi sentite stanchi o di cattivo umore? Vi ponete le domande magiche di ogni giorno: “In cosa posso servirti oggi?”, o “Cosa posso fare per renderti felice?”
  • La vostra intimità coniugale vi unisce o vi separa? Usate il vostro corpo per parlare dell’amore e del rispetto che provate l’uno per l’altra?

Il matrimonio ha molti più aspetti, ma queste sono 7 chiavi interessanti per crescere nell’amore. Bisogna infine ricordare che si deve riportare al presente solo ciò che è davvero servito per crescere nell’unione. Il passato va lasciato alla Misericordia di Dio, e se è necessario va cercato aiuto professionale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni