Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi ha fede dorme meglio

DREAMS
Condividi

Lo dimostra lo studio “La qualità del sonno e il ruolo di ammortizzazione dello stress della partecipazione religiosa: un'analisi di moderazione mediata”

SLEEP
Stcok-Asso - Shutterstock

Arma letale contro lo stress

L’autore principale dello studio è Christopher G. Ellison, professore di Sociologia dell’Università del Texas a San Antonio. La sua ricerca, ha spiegato Hill, “mostra anche che la religione può promuovere indirettamente il sonno proteggendo contro altri fattori di rischio, in questo caso lo stress”.

Secondo la Fondazione Nazionale del Sonno degli Stati Uniti, le persone tendono ad essere troppo stressate al momento di andare a letto. Hanno difficoltà a dormire quando non riescono a smettere di pensare alle proprie preoccupazioni o frustrazioni. La mancanza di rilassamento fa sperimentare loro tensione muscolare. Il riposo non arriva e la frequenza cardiaca aumenta, il che aggrava la tensione fisica e aumenta la fatica.

La religione può aiutare ad affrontare queste tensioni riunendo persone che condividono convinzioni comuni in modo regolare, il che genera solidarietà e un senso di proposito condiviso. Secondo il nuovo studio, i membri della Chiesa tendono anche a prestarsi assistenza reciproca e a promuovere pratiche positive al momento di affrontare le cose. In definitiva, l’aiuto ricevuto e l’atteggiamento positivo con cui chi ha fede affronta e condivide la vita è confortante ed evita l’insonnia.

“Per tutti questi motivi, è plausibile che i fedeli regolari sperimentino meno agitazione a causa degli eventi negativi della vita, e in ultima istanza una migliore qualità del sonno”, sostiene il rapporto.

Comunità, solidarietà, preghiera

Lo studio, tuttavia, ha anche verificato che non si ha necessariamente bisogno di una comunità religiosa per ridurre lo stress. Anche una pratica religiosa non organizzata, come la lettura frequente delle Scritture, la preghiera e la meditazione, può ridurlo e favorire un sonno sano e ristoratore, a patto che l’individuo si senta sicuro, vicino a Dio e consapevole del ruolo della persona nella vita eterna.

“I credenti possono essere incapaci di comprendere perché sia capitata loro una disgrazia, ma possono dormire meglio la notte sapendo che l’universo è sotto la vigilanza di una divinità che alla fine della giornata si preoccupa del benessere del mondo e dei suoi abitanti”, conclude lo studio.

Se siete tra coloro che godono del tesoro della fede, non dimenticate il vostro angelo custode prima di andare a dormire, perché anche lui contribuirà al fatto che abbiate un buon sonno e bei sogni.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni