Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nozioni di base per la sicurezza dei figli su Internet

CYBER BULLYING
Pixel Shot - Shutterstock
Condividi
Essere connessi è diventato la nuova necessità dei nostri tempi. Per i più grandi, è impossibile non ricordare i giorni in cui la ricerca veniva effettuata in biblioteca e il lavoro di squadra si svolgeva a casa di un amico.

Oggi, però, è cambiato tutto, e accompagnare la tecnologia e le sue implicazioni può essere impegnativo.

Essere online fa parte della nostra vita quotidiana, e questo vale anche per i bambini. Le piattaforme online per fare i compiti, per divertirsi e perfino per avere una vita sociale stanno crescendo in modo esponenziale.

La questione è ora come rendere la navigazione dei bambini più sicura. Navigare in Internet è una cosa che va fatta con grande attenzione, come uscire da soli per strada. Lascereste i vostri figli vagare soli per la città? Lo stesso vale per il mondo digitale.

Statisticamente, i bambini iniziano ad accedere a Internet sempre prima, e i genitori non riescono a monitorare tutto ciò che fanno.

Nel 2016, il 45% dei bambini negli Stati Uniti ha ottenuto un piano di dati e servizi tra i 10 e i 12 anni.

Nella fascia 6-12 anni, la maggior parte dei bambini lo ha ricevuto a 10 anni (22%), seguiti dagli 8 anni (16%), mentre i 9 e gli 11 anni incidevano per il 15%.

Leggi anche: Attenzione in Rete. Il fenomeno del cyberbullismo

La stessa ricerca ha rivelato le attività più comuni dei bambini sullo smartphone: l’81% usa il telefono per messaggi di testo, il 59% per scaricare applicazioni e il 53% per giochi pre-installati e per accedere ai siti.

E allora, in questa era digitale, cosa possono fare un padre e una madre?

Non potete rimanere certamente tutto il tempo seduti a fianco del bambino, ma potete fare due cose: 1. Informarvi su come sviluppare una sociabilità virtuale sicura e sulle regole di sicurezza; 2. Incentivare i vostri figli a usare piattaforme sicure disponibili per bambini.

Nozioni basiche di sicurezza

Tenere la vostra famiglia sicura online implica comunicazione, informazione e discrezione.

Essere trasparenti

Le regole devono essere accompagnate da una ragione. Siate quindi chiari con i vostri figli circa i pericoli che possono trovare online, e insegnate loro ad avvisarvi nel caso in cui intravedano qualche rischio.

Insegnare

Navigate in Internet con loro. In questo modo potrete mostrare loro come scegliere buoni siti. Date loro delle indicazioni di sicurezza per quando visitano pagine diverse, e discutete quali tipi di siti sono appropriati alla loro età e quali no.

Regole per la password

Create delle password insieme ai vostri figli, perché possiate avere i codici, nel caso in cui sia necessario, e per insegnare loro a creare password sicure e a non condividerle mai con nessuno. Mostrate loro come effettuare il logout (uscire completamente e in sicurezza) alla fine di ogni navigazione, perché non lascino per incuria sessioni aperte a scuola o a casa di un amico.

Rispettate le restrizioni di età

Alcuni giochi non sono appropriati per i bambini. Leggete sempre l’età minima necessaria e rispettatela. Come non dovreste portare vostro figlio a vedere un film che non è adatto alla sua età, non dovete permettere che giochi con videogiochi non ideati per le sua età.

Leggi anche: L’ultima frontiera della pedofilia on line: le “chat live” dei social network

Attenzione alle configurazioni di privacy

I siti destinati a condividere contenuti hanno configurazioni di privacy che potete personalizzare per decidere quale contenuto può essere condiviso e con chi. Certificatevi che il profilo di vostro figlio sia il più privato possibile.

Parlate del cyberbullismo

Testi, video e foto possono provocare molti danni. Parlate di cosa fare e cosa non fare quando si parla con le persone online, e insegnate loro a capire quando devono avvisarvi, nel caso in cui si trovino di fronte a qualche tipo di intimidazione.

Non condividete informazioni private

Fate una lista di dati che non devono essere condivisi online, come indirizzo di casa, numero di telefono, numero dei documenti, orari familiari e dettagli dell’agenda personale.

Niente estranei

Avete già detto ai vostri figli di non parlare con gli estranei? Bene, vale anche su Internet.

Definire filtri di contenuti

Attraverso le configurazioni del vostro navigatore si possono installare filtri di contenuto che possono aiutare a impedire l’esibizione di contenuti dannosi. Oltre a questo, aiuteranno vostro figlio a sapere quali contenuti sono approvati e quali non lo sono.

Computer nell’area comune della casa

Tenere il computer in zone comuni della casa anziché lasciarlo nella camera dei bambini.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni