Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Davide Rondoni: in un’Italia quasi senza figli la parola nascita è scandalosa (VIDEO)

@DR
Condividi

Nascono sempre meno bambini ma tutti desiderano una vita più naturale. Ma che vuol dire vivere in modo naturale? Bere tisane e abbracciare gli alberi? No! Non basta.

“La parola nascita oggi è strana, è quasi scandalosa”

Così comincia il secondo video della rubrica Parole e libertà del poeta e scrittore Davide Rondoni, inaugurata l’8 gennaio scorso sul suo canale YouTube.

Il poeta di fronte alla piccola porta della chiesa della Natività di Betlemme, luogo non casuale per introdurci a questa parola, sceglie di parlarci appunto del termine “nascita” condividendo alcune riflessioni. Da un lato viviamo nel mondo occidentale un momento storico di gravissima crisi demografica, dall’altro però – mai come oggi – siamo affamati di salutismo, di ritorno alla natura, di prodotti biologici e crediamo che condurre una vita più naturale, afferma Rondoni, equivalga a bere tisane, a camminare nel verde, ad abbracciare gli alberi, a mangiare sano. Tutte cose che non bastano però,  perché – continua il poeta – la parola natura deriva dal latino nascor, nascere e per una vita davvero naturale è necessario “stare attaccati agli elementi primari e fondamentali della nascita: che non ti fai da solo, che non nasci da solo, che l’autodeterminazione è una balla, è una menzogna, e che nella nascita sperimenti che c’è qualcuno che ti fa, non nasci dalle tue intenzioni.”

Oggi infatti, nascere è diventato quasi un privilegio, non la normalità di una società nel suo divenire, ma un’eccezione in questo sistema sociale stagnante che non riconosce più le radici da cui la vita promana. Dovremmo perciò riscoprire che non siamo né i creatori né i padroni della vita, ma creature di un disegno umano e sovrumano che è prima di noi.

Buona visione!

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni