Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’umiltà di San Francesco, la croce di Gesù. Fabrizio De Andrè ne era molto affascinato

FABRIZIO DE ANDRÉ AND SAINT FRANCESCO
Public Domain
Condividi

Il cantautore morto vent'anni fa, pur non dichiarandosi mai credente, ha dedicato loro una poesia e una canzone. E tante riflessioni

Vent’anni fa, l’11 gennaio del 1999, moriva Fabrizio De André. Il vuoto che ha lasciato dietro di sé, tanto sul piano culturale quanto su quello musicale – nessun cantautore, dopo De André, ha mai raggiunto De André – è stato in parte colmato dalla straordinaria eredità che ci ha affidato: i suoi dischi, le sue poesie.

Una di queste poesie ha avuto come protagonista San Francesco d’Assisi. Lo scritto inedito è riemerso da un’agenda custodita presso la Facoltà di lettere di Siena, sede dell’archivio De Andrè. Scritta in stampatello, appartiene agli ultimi mesi di vita del cantautore genovese.

Ecco il testo:

A che vale avere amato

se nessuno se ne è accorto

anche se lo hai fatto per il bene di tutti

tu con la tua povertà,

tu con la tua umiltà,

hai saputo umiliarci.

Poche righe, un contraddittorio che dà voce alla forza dei propri dubbi, ma anche allo stupore di fronte ad una storia diversa come quella di Francesco. Che richiama l’umiliazione di un altro grande uomo a cui De Andrè ha dedicato un brano: Gesù, di cui non ne riconosceva la natura divina, ma ne restava tremendamente affascinato (Tv2000, 2015).

«Secondo me è rimasto il più grande rivoluzionario di tutti i tempi», affermava il cantautore-poeta, che cantava: «Non posso pensarti figlio di Dio, ma fratello anche mio».

Ecco una strofa emblematica del suo brano dal titolo “Si chiamava Gesù”:

Non intendo cantare la gloria

nè invocare la grazia o il perdono

di chi penso non fu altri che un uomo

come Dio passato alla Storia

ma inumano è pur sempre l’amore

di chi rantola senza rancore

perdonando con l’ultima voce

chi lo uccise tra le braccia di una croce.

“Ricerca laica”

“Si chiamava Gesù” indica una ricerca laica (De Andrè non si è mai dichiarato credente), ma inevitabilmente giunta a interrogarsi sul principale riferimento religioso dell’Occidente. Solo che questa canzone era ancora un pò provocatoria, anche se si affiancava a due certezze che De André ebbe sempre: 1) Gesù era un uomo, 2) ma ucciderlo fu inumano come sempre è la violenza (Avvenire, 2015).

Gli ultimi e Dio

Non va dimenticato che De André, già nei suoi primi tre Lp, aveva cantato gli ultimi cui il Vangelo fa riferimento, usando pure simile pietas (Cantico dei drogati, Bocca di rosa, Via del Campo); si era riferito a Pietro e Giuda ne La ballata del Miché; aveva inciso persino Spiritual. Ovvero:

«Dio del cielo se mi vorrai amare / scendi dalle stelle e vienimi a cercare», ma anche «Dio del cielo io ti aspetterò / senza di te non so più dove andare».

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni