Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Due figli morti in incidenti stradali: il Papa ospita i genitori in Vaticano

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Condividi

"Buongiorno, sono il Papa". Bergoglio ha chiamato a casa della famiglia Delle Grottaglie di Mesagne per invitarli a Roma. L'8 gennaio l'incontro, durato più di un'ora

Il telefono squilla, il numero è sconosciuto, ma alla risposta arriva una bellissima sorpresa; «Buongiorno sono Papa Francesco» (La Repubblica, 8 gennaio).

L’inattesa quanto sorprendente telefonata è giunta il 31 dicembre a casa di una famiglia di Mesagne (Brindisi) che tempo fa aveva scritto una lettera al Pontefice per incontrarlo. In particolare da Cosimina Delle Grottaglie, madre di quattro figli che ne ha persi due in differenti incidenti stradali: nel 2009 Maria Rita morì di ritorno da una serata in spiaggia, nel 2017 il figlio Stefano rimase vittima di un incidente in moto (Ansa, 8 gennaio).

Le due lettere di Cosimina

Cosimina aveva scritto al Papa, precisamente, due anni. A seguito di quella lettera ricette solo una risposta formale dalla Santa sede con una coroncina di rosario in dono. La mamma mesagnese ci riprovò anche l’anno successivo, ricevendo anche questa volta solo una missiva.

Il tentativo dell’avvocata

A dicembre scorso, racconta ancora La Repubblica, un’amica della donna, l’avvocata Rosanna Saracino, decide così di riscrivere al Papa per raccontare la triste storia di questi due genitori. Nella lettera lascia il suo contatto telefonico mai immaginando che dopo qualche settimana avrebbe ricevuto quella indimenticabile telefonata.

“Era proprio lui…”

«Era proprio lui al telefono – racconta Saracino – in un primo momento ho pensato fosse uno scherzo. E gli ho anche detto: se questo è uno scherzo è di pessimo gusto. Ma poi lui ha insistito ed ha fatto riferimento alla mia amica. È stata una gioia immensa».

L’udienza di un’ora a Roma

L’avvocato ha dato al Papa il numero di Cosimina Delle Grottaglie e dopo 10 minuti il pontefice ha chiamato direttamente la donna ed ha invitato lei e la sua famiglia a Roma.

L’8 gennaio 2019, Cosimina con suo marito Francesco Landolfo, i loro figli Chiara e Giuseppe, la nuora, la nipotina e l’avvocata Saracino sono stati accolti dal potenfice. Un’udienza privata durata oltre un’ora, dove il Papa ha mostrato vicinanza a questa famiglia duramente provata dal dolore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni